venerdì 4 settembre 2015

Tennis: Camila Giorgi raggiunge il secondo turno degli US Open con una facile vittoria

immagineNEW YORK - Con un doppio 6-3 Camila Giorgi si sbarazza di Johanna Larsson e vola al secondo turno degli US Open. Prossima avversaria la nr.24 del seeding Sabine Lisicki.


Dopo le vittorie di Andreas Seppi, Fabio Fognini e Roberta Vinci nel primo giorno di gare, anche la seconda giornata dell' US Open ha visto il passaggio al secondo turno di altre 4 azzurre: Karin Knapp, Camila Giorgi, Sara Errani e Flavia Pennetta.

In particolare, la 23enne marchigiana ha impiegato 69 minuti per avere la meglio sulla sua avversaria; nel primo set, l'azzurra ha subito trovato il break portandosi così avanti per 2-0. Larsson è riescita a strappare il servizio a Camila nel settimo gioco che è stata però brava a reagire e a trovare il controbreak immediato a zero e chiudere così la prima frazione.

Nel secondo parziale è stata ancora l’azzurra a portarsi avanti per 2-1 con il break nel terzo game: chiamata poi a difendere due palle break, Camila è brava a non perdere la testa e successivamente è stata lei a togliere nuovamente il servizio alla svedese e conquistare la vittoria perdendo solamente una volta la battuta nell'arco del match, nonostante una percentuale di prime non esaltante (53%, con "soli" 5 doppi falli).

Al prossimo turno è attesa dalla tedesca Sabine Lisicki (numero 24 del seeding) che ha superato la bielorussa Aliaksandra Sasnovich.

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Marche del 3/09/2015

giovedì 3 settembre 2015

College Basketball Tour: la tappa marchigiana si chiude con la vittoria di Pesaro


immagineIl weekend di fuoco del College Basketball Tour nelle Marche si chiude con due successi americani e uno italiano: le Oregon Beavers si impongono a Civitanova Marche per 93 a 49; Stanford a Jesi per 91 a 81 e finalmente la Consultinvest Pesaro sigla il successo italiano contro i Cardinal per 84 a 81.



Il lungo weekend marchigiano del College Basketball Tour è iniziato venerdì 28 con l'ultimo match femminile in programma nella nostra regione. In campo le Oregon State Beavers contro la FE.BA Civitanova Marche che milita nel campionato di A2. Prima di dare fuoco alle polveri in campo, il match è stato occasione per una vera e propria festa del basket femminile: nel tardo pomeriggio, le due squadre sono state infatti ricevute nella suggestiva cornice del teatro Annibal Caro di Civitanova Alta dal vicesindaco Giulio Silenzi e dall’assessore allo sport Piergiorgio Balboni.


La compagine del patron Elvio Perini ha provato con orgoglio a resistere alla marea neroarancio, tenendo la testa avanti nei primi 5’ di partita (13-12 con Manzini e Gomes sugli scudi) prima di subire un break di 17-0 che ha distrutto ogni velleità. Troppo ampio il divario soprattutto fisico tra le padroni di casa e le campionesse della PAC 12. A trascinare OSU la mano caldissima di Jamie Weisner, che prima ha spaccato il match con tre triple e poi ha rinsaldato la fuga delle sue con 20 punti totali. Tra le civitanovesi, in doppia cifra Selma Delibasic e Marica Gomes (12 punti a testa) ma anche Linda Manzini (10 punti).

A Jesi, l’UBI BPA Sport Center, è stato teatro di una avvincente sfida tra Stanford e Aurora Jesi. Partita in perfetto equilibrio per almeno 35’, poi nei minuti finali prende fuoco Rosco Allen (13 punti tutti nella seconda metà di gara) e i Cardinal controllano la reazione dei leoncelli. L'Aurora parte forte e chiude avanti il primo quarto per 28-24. Nella seconda frazione, però, I ritmi si alzano e Stanford , trascinata da Travis Reid, mette il naso avanti spingendosi fino al +6 (46-40 al 21’). L’Aurora pare tenere botta - le triple di Picarelli la spingono di nuovo avant -, ma è un fuoco di paglia: i fratelli Allen mordono sui portatori di palla jesini; Allen e Pickens convertono ogni palla in oro e Stanford scappa via verso la metà dell’quarto periodo. Coach Lasi prova a reagire con quintetto piccolo e pressing a tutto campo ma è troppo tardi. Finisce 91 a 81 per gli americani che a meno di 24 ore sono nuovamente in scena a Pesaro.

Al PalaDionigi di Montecchio, è stato un vero e proprio spettacolo dal primo all’ultimo secondo per il gran galà che ha chiuso il College Basketball Tour marchigiano. In un palazzetto gremito in ogni ordine di posti (oltre 1000 presenti), la Consultinvest Pesaro, ha regalato subito una gioia ai suoi tifosi nella sua prima uscita stagionale, superando Stanford per 84-81. L’avvio di gara è tutto di marca Cardinal grazie a un Marcus Allen pimpante (17 punti con 7/13 dal camp) che porta Stanford sul 15-4 in pochi minuti di gara. La regia di Semaj Christon si fà via via più sicura e i biancorossi tornano sotto. La Vuelle si accende nel finale di secondo quarto marchiando un break di 13-0 per il primo sorpasso (39-36 al 19’). Ai Cardinal non basta una Reid Travis sugli scudi che inizia a martellare sotto (doppia-doppia sfiorata stasera per il lungo sophomore, con 13 punti e 9 rimbalzi). Quando un mirabolante alley-oop di Christon per McKissic infiamma la curva biancorossa e segna il +13 Vuelle a 2’ dalla sirena (80-67) la partita sembra ormai segnata. Ma la Consultinvest non ha fatto i conti con Carthwright. La point guard californiana piazza tre triple nell’ultimo minuto riportando i Cardinal a -3 con 1” da giocare. Una rimessa “sciagurata” dei Cardinals però rovina tutto e la Consultinvest può così festeggiare il primo successo della stagione.

Si chiude così la tappa marchigiana del College Basketball Tour: appuntamento al prossimo anno!

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Marche del 1/09/2015