mercoledì 21 novembre 2012

Juliann Faucette: The J-Factor (ENnglish version)


Why is Juliann Faucette listed among the characters of the musical “Guys and Dolls” of the Westview High School? Is it a case of homonymy of is it the same Juliann Faucette who plays as an outside hitter at the Unendo Yamamay? For those who wonder, she is the very same J who wears the number 1 of Busto Arsizio volleyball team. “Musicals is something I really like: I prefer them to regular movies or other plays. My favorite musical ever isWicked” that tells the story of “The Land of Oz” from the perspective of the witches . In high school I was personally involved in a lot of musicals: singing and acting were things I used to do and love, but I didn't have a lot of time for them because of volleyball. Once, I was in the musical“Guys and Dolls” : I was a Cuban lady dancer and I had a solo where I had both to sing and dance. That was a lot of fun for me as I had all those salsa dancing parts in bright- yellow costumes”. 

Yes sirs! Juliann is not only one of the most powerful attacker of the Italian league, but she is also a skilled and passionate singer who among hard trainings and matches finds time to dedicate herself to music and to exercise her singing skills. Just enter her name on You-Tube and you will find a channel with all her performances: “I started singing when I was young but I learned a lot when I was at high school where I had a special choir teacher who was known to be one of the best vocal coaches in California. Thanks to her I developed better vocal skills although I had to leave it to focus better on volleyball during my college years. As a consequence, I didn't really have time to practice very much. I used to sing the national anthem before some matches or particular events especially for our school or planned weddings when friends needed someone to sing. Nothing special, actually, until last year when my mom asked me which show I wanted to do: X Factor or The Voice” - remembers Juliann laughing- “They were having trials but I was in Italy in Urbino at this time: thus, I opened a You-Tube channel so I could practice and show my skills. But eventually, I didn't try for any show so it ended to be only a You-Tube channel for me where I could put my songs for me. I couldn't imagine people could find out about it, but after I performed one song at the team presentation one month ago, here in Busto, my You-Tube channel was visited by a lot of people especially Italians”. A passion that is not in conflict with her career as a volleyball player, but that instead plays an important role in it: “If I had to make a choice between singing or playing volleyball it would be a difficult decision to take. I really don't know: I love volleyball and I want to be a great player but singing makes me feel free and I love this sensation. It also allows me to perform better on court and that is why I would like to do both”.

 These two passions will be always exiting in Juliann's heart, but for now the American hitter has decided to dedicate herself to her volleyball career; a career that started in 2004 at the San Diego Volleyball Club: “I started playing when I was 14; I was introduced to the game by my father who was a university football coach in Texas. I was visiting him for the summer and he asked me if I wanted to attend the volleyball camp at his university and I said yes.The first time they saw me playing they thought I would be a setter” - she recalls amused - “it is really funny as I turned out to be really strong and really hard attacker so I am glad that eventually someone saw something different in me. As a setter I would have been definitely in the wrong position”. Since her very beginning Juliann's destiny was somehow linked to Italy and the Italian volleyball league: “ever since I knew you could play professional volleyball after college, I wanted to play in Italy. I am half Italian and my grand-parents are Italian: from my father side my grandma is Sicilian and from my mum side my grandpa is from the North. Thus, I knew and appreciated already the Italian culture very much. I remember that when I was younger I used to watch a lot of pictures about Italian volleyball players; in particular, I remember looking at pictures of Francesca Piccinini and thinking how bigger star she was here. Since a very early time I then knew I wanted to play in Italy if I could and so when I first got the call from Urbino I was very happy and I took it”. The dream came true last year when not only Juliann played in an Italian team – the Chateau D'Ax Urbino - but she also faced on court Francesca: “while playing against Piccinini I was sort of smiling to myself, thinking how now I was playing against her when I was looking at pictures of her only a few years back when I was younger. It was very cool to see how far I had gone”. 

But things do not happen for a pure question of luck: Juliann is a very motivated and dedicated player whose greater strength is her passion towards this game: “what characterizes me the most is my great passion: whether I am on or off court I'm going to give all of my own and so when I am called to enter the court I would be very excited and would give my all to give my best contribution. I think I have a lot of pride that allows me to play at my best levels. Indeed, I am very hard-working and I set goals to myself and I don't give up until I achieve them. However, on the negative side, I am a perfectionist so I like and want everything to be perfect and as it is not always possible, sometimes I have problems with it”. However, although coming to Italy was somehow in her destiny, leaving US was not painless: “I was really sad and nervous when it was the time to move. I remember being at the airport and had to say goodbye to all my family and just look back at their faces and be aware that I wouldn't see them for a long time was a little scary. Eventually, it ended up very well: in Urbino I had a great experience and I grew up a lot. If I have to tell the true, I miss Texas and its unique culture a lot: Texas is where I went to College and where I have my friends. Although Italian is my favorite food, I really miss Mexican recipes I used to find there. Not to mention the fact that here in Italy is impossible to find drier” she jokes. In her college career, this outside-hitter from San Diego achieved great results and was selected All-Big 12 First Team and Big 12 Freshman of the Year in 2007 and competed also internationally with her Junior national team. Her career-highlight however was last year during a crucial match precisely against her current team: “the most important match that brought me to be in the place I am today is the one Urbino played against Busto in the Cev Cup semifinals. In that occasion, I had the chance to play and I did very well and showed Busto what I had: now I am here with them as they saw something in me and they wanted me to be in their team rather than against them. That was one of the most important matches I had to play in my career as I wouldn't be here today if I hadn't being playing that day. When Unendo Yamamay contacted me I was very happy and excited. I can remember precisely that day when I received the email from Busto: I told myself I wanted to play for them not only because of Carli (Lloyd) – who is my best friend - but because I had seen coach Parisi and the way he was coaching his team and I saw the chemistry that he had been able to create with his players on court. I wanted to be part of that group so bad that when they called me I could do nothing but accepting”. At heart, J defined herself a “very optimistic person, who plays life full-on, outgoing, enthusiastic and curious. I am very spiritual, I am outgoing when I am comfortable with people, I have a lot of confidence or I am good at portraying I have a lot, I am curious person and that element increased as I grew up”. And although she does not give much credit to the horoscope, she matches perfectly the description of a true Sagittarius. 

The American outside-hitter was born in San Diego “a completely different place from Busto Arsizio, especially from a climate point of view” she says, on November 25th a very particular day as it falls with Thanksgiving celebrations in the US: “ Sometimes my birthday falls with Thanksgiving, and so we used to celebrate it at my grandma's eating a lot of food and watching football. Since I started playing professionally, these family reunions are become more rare, that is why a memorable time for me was the night of my senior game at college when I was turning 21 and my family was with me. It was important as they traveled from California to Texas just to be with me that special day. Now that I am in Italy distance is even more and I suffer it a lot: last year I celebrated my birthday playing and having a cake with my teammates. But I miss my family very much. That is why if I could wish something in front of my birthday cake that would be being with my family at the same time playing volleyball. That would be as fantastic as winning the championship this year”. And who knows that by blowing out her birthday candles, J's dreams may come true. At heart, as her favorite musical teaches us, when you are with those you love, also “defying gravity” becomes possible.

The original article is published on the November 2012 issue of Pallavoliamo.it

Flavia Pennetta: Dritto al Cuore


Il mio primo ricordo di Flavia Pennetta risale al 2005 quando mi sono ritrovata sul suo stesso aereo in ritorno dalla Spagna. Solo un posto ci separava: io avrei voluto andare lì, parlarle e chiederle tante cose; ma la mia timidezza mi aveva inchiodato sul mio sedile. All'epoca Flavia non era ancora la giocatrice da top ten che sarebbe stata pochi anni dopo – la prima italiana a riuscirci; non era ancora la giocatrice che avrebbe vinto il Master di doppio nel 2009, né tanto meno la donna che avrebbe poi raccontato la sua vita e le sue emozioni sui campi da tennis nel libro “Dritto al Cuore”. Ed è proprio leggendo il suo libro che ho trovato la forza di seguire un mio sogno e farle tutte quelle domande che non riuscii a rivolgerle quel giorno: in fondo, come dice lei stessa “non provarci sarebbe come ammettere una sconfitta, e a 30 anni non sono ancora pronta”. 

Ed essendo io una appassionata di tennis, la prima domanda non può che riguardare la relazione di Flavia con il suo sport: “Del tennis mi piace la competizione, l’adrenalina che provo quando mi sento padrona del campo, di me e del mio gioco. Mi piace la terra rossa sotto i piedi che sporca le mie scarpe. Sinceramente, mi piace ogni aspetto, l’ambiente e le persone con cui condivido i momenti migliori. Il tennis, da quando ero bambina, mi infonde sempre nuovi stimoli e motivazioni. E soprattutto mi diverte. Non riesco mai a rimanere lontana dal campo per troppo tempo”. Come ha vissuto quindi questi mesi che l'hanno vista fuori dalle competizioni dopo un'operazione al polso? “Purtroppo gli infortuni capitano, ma non bisogna mai perdersi d’animo e seguire le indicazioni di un fisioterapista e di uno specialista. Questo è indispensabile per rimettermi prima possibile e tornare in campo. Non bisogna mai forzare perché la tentazione è quella di continuare a giocare. E’ chiaro che c’è un po’ di rabbia e di delusione quando ti capita un infortunio che non ti permette di giocare e di poterti esprimere al meglio, ma la cosa migliore è reagire positivamente e non farsi prendere dal nervosismo. Soprattutto bisogna avere molta pazienza. Io in questo periodo ne ho avuta molta e credo proprio porterà i suoi frutti”. In uno sport come il tennis, infatti, dove si può contare solo sulle proprie forze è importante essere al meglio, non solo fisicamente ma anche mentalmente: “Mi aiutano al raggiungimento dei risultati un fisioterapista, un medico generico e uno psicologo, con il quale preparo ogni singolo match: anche se non mi segue sempre nei miei viaggi, parliamo spesso al telefono, anche quando sono a casa”. La paura più grande di Flavia è infatti quella di non riuscire a dare il meglio: “ il peggior avversario di me stessa sono io, perché quando non riesco a dare il massimo, di solito, mi carico totalmente la responsabilità del risultato. Sono una perfezionista e la mia più grande paura è quella di non essere in grado di dare il meglio, specialmente quando sono preparata al 100%”. 

Il tennis è infatti uno degli sport più individualisti in assoluto e in campo, contro l'avversario, è importante non lasciarsi trasportare dai propri pensieri e dalle proprie paure:quando scendo in campo sono talmente concentrata che non ho pensieri e, ad un certo punto mi sembra di essere completamente sola. Sono focalizzata sul mio gioco che studio prima di ogni partita. Il gioco dell’avversario è fondamentale, ma parto sempre da me. Nella nostra routine, abbiamo la necessità di affidarci a delle regole, a dei ritmi di preparazione, allenamenti, e trovare sempre il giusto equilibrio tra la parte fisica e quella mentale. Ma siamo delle persone comuni con le nostre fragilità e le nostre emozioni. Non si può misurare, ad esempio, la gioia che ricevo quando ogni giorno sento il calore della gente che mi segue. Altra cosa invece è la paura di lasciarsi andare e perdere il controllo. Ho certamente i miei dubbi e paure come tutti, ma ora mi sento più forte di prima. Forse proprio perché ho passato e vinto molte battaglie, ed ora sono un po’ più stabile e riesco a gestire meglio le emozioni”. Da quel lontano 2005, Flavia ne ha davvero vinte tante di battaglie, alcune memorabili nelle storia del tennis italiano come le vittorie in Fed Cup che hanno permesso al tennis femminile italiano di salire sul tetto del mondo nella competizione a squadre per ben tre volte (2006, 2009 e 2010). E Flavia, assieme a Francesca Schiavone, Sara Errani, Roberta Vinci e Mara Santangelo ha scritto le pagine più belle per i nostri colori. Ma come si vive questo dualismo nell'essere in squadra con delle proprie avversarie di singolare? “Quando giochiamo l’una contro l’altra siamo avversarie e vogliamo vincere, certo; ma quando siamo in squadra mettiamo la nostra grinta al servizio di un obiettivo comune. Per partecipare alla Fed Cup e vincere è fondamentale creare uno spirito di squadra e per questo è stato importante il nostro coach Barazzutti, che ha fatto da perfetto collante tra noi. Il gruppo si crea dalla motivazione e noi ne abbiamo davvero molta. Ma no saprei davvero scegliere tra singolo o doppio: mi divertono e mi entusiasmano entrambi, anche se sono due modi diversi di giocare”. Una cosa accomuna però il doppio e il singolare: gli applausi dei tifosi, i sorrisi, le lacrime, il sudore per raggiungere la vittoria: “di applausi che mi hanno emozionato ce ne sono talmente tanti che è molto difficile elencarli tutti! Ricordo con grande affetto quello lunghissimo che ho ricevuto quando ho battuto la Mauresmo in Fed Cup, quello dopo i sei match point annullati a Vera Zvonareva a New York, e quello ancora ricevuto per la bellissima vittoria a Los Angeles contro la Stosur. Il sorriso più bello invece è quello dei bambini: in ogni torneo, è quello che mi rimane più nella mente, perché loro sono contenti di poter avvicinare anche solo per un attimo la loro beniamina. E il sorriso più bello è quello che io faccio a loro perché mi riempie di gioia vedere dei piccoli appassionati dello sport che io amo”. 

In fondo, come Flavia stessa racconta nel suo libro, le vittorie sono importanti ma “i numeri non parlano. Non dicono degli applausi, dei sorrisi, della paura di lasciarsi andare, di concedersi di essere troppo felici e di perdere il controllo. L'abitudine alla vittoria è un rischio, crea dipendenza, va maneggiata con cura”: “Quando sei molto focalizzata sull’obiettivo e sei al massimo” - mi spiega Flavia - “la vittoria può creare una sorta di dipendenza perché ovviamente il desiderio di continuare a vincere ti carica ed infonde energie positive. Dipende comunque sempre dal tipo di approccio che hai. Può diventare “pericoloso” il fatto di pensare solo alla vittoria e non essere focalizzati su quello che ti far star bene, lasciandoti solo trasportare dal puro e semplice desiderio di vincere”. Cosa è che la far star bene allora? “Sono molto grintosa, se voglio qualcosa faccio di tutto per ottenerlo e sono anche una sognatrice perché mi piace seguire i miei desideri e quello che mi rende felice. Nella vita, in generale, mi piace lottare e mettermi sempre alla prova. E poi sono innamorata della vita e del mio lavoro”. L'amore: nel suo libro Flavia dà molto spazio alle sue relazioni sentimentali narrandone il bello e il brutto, la felicità e la sofferenza. Incuriosita le chiedo quindi quanto queste “pene d'amore” possano influire sul rendimento in uno sport come il tennis in cui “gestire le proprie emozioni” è davvero importante: “ Direi che il tennis non c’entra. Nessuno dovrebbe mai farsi prendere troppo da una relazione soprattutto, quando questa è problematica e ci fa soffrire. Ho imparato a pensare più a me e a non annullarmi per nessuno. L’amore non è annullarsi ma crescere e migliorare insieme”.

In particolare, la sua storia con il tennista spagnolo Carlos Moya ha suscitato un grande interesse da parte della stampa che l'ha anche incoronata una delle tenniste più sexy dell'intero circuito, ma Flavia sembra non farci troppo caso: “Certo se sei carina e brava questo può essere un punto in più a tuo favore, ma se non sei brava la bellezza non influisce. Naturalmente mi fa piacere e mi diverte essere ammirata, ma devo dire che le due cose nel mio caso sono sempre andate di pari passo. Non saprei dire quanto la bellezza abbia influito sulla mia popolarità o su quella del mio sport: a livello personale, hanno significato di più i grandi successi raggiunti, la grinta e i sacrifici fatti e che tutti hanno sempre potuto seguire; e lo stesso si può dire per tutto il movimento del tennis femminile. Per questo se dovessi dare un consiglio al mondo della pallavolo , direi solo di continuare a portare successi. Il resto dovrà farlo la Federazione che ha una grande fetta di responsabilità come in tutti gli altri sport nell’aumentare le fila del movimento e contribuire alla sua promozione e diffusione”. Indubbio è però che la bellezza delle protagoniste di entrambi gli sport può sicuramente aiutare a promuoverli: non è un caso che spesso le atlete vengano immortalate anche in copertine dalle pose ammiccanti. La domanda sorge quasi spontanea: Flavia farebbe mai un calendario sexy? “Dirò qualcosa di banale forse ma per me è vero che l’essere sexy è più una questione interiore, di sguardi, di atteggiamenti, piuttosto che mostrarsi senza veli. Quindi no”. 

Il calendario non rientra quindi nei sogni di Flavia che però sembra averne davvero tanti: “vorrei, vorrei,vorrei. Continuo a volere tutto: voglio un amore sconfinato” -conclude nel suo libro - “voglio fare bene il mio lavoro, voglio lasciare un segno; voglio il sogno tutto intero, da mordere ed abbracciare”. E che sia per un'altra vittoria, per un altro applauso o per un altro sorriso, Flavia continuerà a vivere la sua vita e ad affrontare ogni sfida con la solita grinta, passione e amore. E io cosa vorrei? Vorrei tornare su quell'aereo; alzarmi dal mio posto, salutarla e stringerle la mano e anche io vivere così il mio sogno tutto intero. 

L'articolo originale è pubblicato sul numero di novembre 2012 di Pallavoliamo.it

martedì 20 novembre 2012

La KGS torna sui banchi di scuola


Che lo sport sia una scuola di vita è un mantra che abbiamo sentito ripetere più volte. Ma mai come nel caso dell'iniziativa “Pesaro Volley Energia Pulita” queste parole acquisiscono pieno valore. Il progetto , proposto dall’Assessorato alle Politiche educative del Comune di Pesaro in collaborazione con la KGS Robursport Pesaro, vuole infatti testimoniare, attraverso una serie di incontri tra le atlete e gli alunni delle scuole primarie e secondarie della città, il vero significato dello sport come momento educativo e di crescita personale, presentato sia sotto la forma di esperienza professionistica che sotto quella dell’attività puramente ludica. “Sono ormai quasi 6 anni che collaboriamo con l' amministrazione di Pesaro” - ci racconta Marcello Minucchi, vicepresidente della società pesarese - “tutto è iniziato tempo fa, quando la nostra società aveva da poco iniziato a giocare in seria A.

 Alla base di questo progetto c'era la volontà di coinvolgere maggiormente i giovani e, facendoli venire a vedere le partite, avvicinarli a questo sport e ai nostri corsi di pallavolo”. Un progetto vincente che è tanto piaciuto ai pesaresi che spesso sono le stesse scuole a chiedere di poter entrare nella rete degli incontri: “all'inizio noi dirigenti abbiamo contattato le scuole che noi stessi avevamo frequentato usando i contatti che già avevamo; adesso capita sempre di più che siano le stesse istituzioni scolastiche a contattarci e richiedere di accogliere le nostre atlete” conferma Minucchi. Per le Colibrì si tratta quindi di un vero e proprio ritorno sui banchi di scuola: c'è chi porterà la sua esperienza tra i bambini delle elementari, chi tra quelli delle superiori; chi risponderà a delle domande, chi si ritroverà in campo a passare i palloni. L'iniziativa è infatti aperta alle scuole di ogni ordine e grado e quest'anno, grazie anche ai minori impegni europei della squadra pesarese, il progetto sta andando avanti a vele spiegate: “in passato non era facile aderire a tutte le richieste a causa delle continue trasferte per la Champions League; quest'anno, essendo impegnati solo nel campionato italiano siamo più liberi e possiamo dare anche un contributo maggiore. Normalmente quando le nostre atlete vanno nelle scuole elementari passano qualche ora in palestra con in bambini per svolgere delle attività ludiche: spesso finisce che anche le nostre ragazze si divertono e ritornano un po' bambine. Quando invece si tratta di scuole medie e superiori si cerca più un dialogo e un confronto con i ragazzi: chiediamo agli studenti di prepararsi delle domande e le nostre atlete raccontano le loro esperienze di vita. Devo dire che gli alunni delle superiori rispondono sempre molto bene a questa iniziativa dato che molti di loro praticano la pallavolo o sono comunque più vicini al mondo dello sport e ai valori che incarna. Avere davanti a loro delle atlete professioniste, spesso loro coetanee, è un grande esempio di vita. Inoltre, abbiamo constato che questi incontri invogliano gli studenti a venire a vedere le partite e quindi anche per noi e la nostra società si tratta di una buona pubblicità” ci spiega Marcello. 

Alla fine degli incontri, infatti, le giocatrici regalano agli studenti dei biglietti per poter seguire la KGS Pesaro. Ma come vengono scelte le atlete che parteciperanno ai vari incontri? “La scelta in primo luogo viene fatta sul tipo di scuola in cui si recheranno le nostre atlete: per esempio, cerchiamo di mandare le più giovani nelle scuole superiori in modo che in questo modo porteranno il loro esempio ai propri coetanei. Naturalmente questi incontri si svolgono quando le ragazze hanno il giorno libero e quindi cerchiamo di fare a rotazione in modo da lasciare a tutte la possibilità anche di riposarsi”. E alle ragazze sembra non pesare affatto questo ritorno forzato a scuola. Almeno questo è quello che mi sembra di capire parlando con Cristina Chirichella, centrale di 18 anni, che il 17 ottobre scorso ha fatto visita ai ragazzi del liceo classico Mamiani di Pesaro: “All'inizio ero davvero preoccupata di dover parlare davanti a tanti ragazzi: l'aula magna era davvero piena e per me si trattava sempre della prima volta... non dimenticate che fino allo scorso anno anche io mi trovavo tra i banchi di scuola di un liceo linguistico. Ma poi quando hanno iniziato a fare le domande mi sono sciolta e mi sono anche divertita. Mi hanno chiesto molte cose tra le quali come facevo a conciliare la pallavolo e lo studio e ... se fossi una brava studentessa. Volete la verità? Io a scuola ero una che si accontentava...non una grande studiosa ma avevo sempre una media del 6 e del 7 e riuscivo a conciliare il tutto perché la pallavolo mi piace davvero tanto e quindi facevo di tutto per riuscire in entrambe le cose. Mi ha fatto inoltre molto piacere sapere che molti dei giovani che erano lì quel giorno erano anche loro giocatori di pallavolo e quindi non sono mancate anche le domande più “pallavolistiche” sul campionato”. 

Naturale anche qualche domanda sull'alimentazione, argomento sensibile tra i banchi di scuola, soprattutto alle superiori, e alla quale Cristina ha risposto narrando la sua esperienza personale: “seguo un'alimentazione abbastanza normale. Fino allo scorso anno al Club Italia mangiavo in mensa e i miei piatti preferiti erano le zuppe. Non è sempre facile dover seguire un'alimentazione bilanciata ma è indispensabile farlo se si vuole giocare a pallavolo a questi livelli e rimanere in forma”. Oltre a Cristina, a varcare le soglie delle varie scuole sono state anche Noemi Signorile, Elisa Manzano, Bernadette Dekani e Beatrice Volpiani. “All'inizio sono tutte un po' titubanti ma poi si lasciano coinvolgere e si divertono anche tanto” - conclude Minucchi -” in fondo, lavorare con i giovani è sempre una bellissima esperienza perché i ragazzi sanno donare sempre tanto e allo stesso tempo sanno ricevere delle lezioni importanti” .

L'articolo originale è pubblicato sul numero di novembre 2012 di Pallavoliamo.it

Stellina di papà: Stefania Dall'Igna


Cara Stescia,

anche se questo è il soprannome con cui ti chiama tua madre anche a me piace tanto. Quest'anno ad Urbino stai affrontando una stagione davvero importante per te ed essendo la regista della squadra hai molte responsabilità. Sei arrivata sino a qua con le tue sole forze e senza chiedere troppe opinioni; in fin dei conti hai un bel caratterino e per questo non sempre sono riuscito a darti dei veri e propri consigli. Direi che, data la mia età, posso aver detto la mia opinione solo quando era in gioco il tuo futuro medio-lontano. È difficile dire se in questo tuo modo di fare tua sia più simile a me o a tua madre, ma forse sei più simile a lei. In ogni modo, qualsiasi siano i tuoi pregi e i tuoi difetti, tu sei così e così vai accettata…. Comunque riusciamo a parlare un po' di tutto, di argomenti più privati e quelli legati alla pallavolo, ma forse è anche per questo che ogni tanto ci scontriamo. Io non sono proprio un padre tifoso: diciamo che nei tuoi confronti e per lo sport che pratichi sono più un critico/allenatore in quanto per come sono fatto, sono portato a pesare maggiormente
agli elementi che hanno concorso a generare ciò che sto guardando in campo e quindi un po' ad analizzare le tue performance in campo. 

Ma non dubitare nemmeno un attimo del mio entusiasmo verso te e la tua professione. Ricordi quando ho sistemato sul praticello di casa una rete per permettere a te e a tua sorella di giocare a volley o, meglio considerata le vostre età, a minivolley? Che tu sia entrata nel mondo del volley è stato un caso più o meno fortuito. Quando eri in II° media eravamo riusciti a mettere in campo una squadretta “passabile” per poter svolgere i Giochi della Gioventù. Non giocando io a pallavolo, diciamo che da parte mia non c'è stata una grande “influenza” su di te, ma certamente non ti ho mai ostacolata verso questa scelta.Un poco più tardi si era intravista la possibilità di una tua buona “riuscita” anche nel tennis ma, data l’età e le amichette, hai preferito, sia pur forse di poco, “dedicarti” al volley. Poi una volta che sei entrata “nell’ingranaggio”, ovviamente costituiva mio “piacere e dovere” attendere a tutto il corollario fatto di partite, allenamenti: in accordo con i miei orari di lavoro, ho cercato di accompagnarti a tutti spesso agli allenamenti e alle partitelle, sempre ai mini-tornei e durante i primi campionati minori. Da quel campo un po' artigianale sei però arrivata a giocare nella serie maggiore e quest'anno persino la Champions League.

 Ricordo ancora quando te ne sei andata da casa per la prima volta. Immagino che tu lo abbia vissuto come tutti coloro che affrontano il primo distacco da casa, con un po' di timore e allo stesso eccitazione. Qui occorrerebbe ascoltare i ricordi di tua madre: è lei che sicuramente avrebbe più cose da dire. Dal canto mio, certo mi dispiaceva, ma alcune circostanze più personali possono aver mitigato il “distacco”, e quindi reso il tutto più sopportabile anche per me! Fortunatamente, inoltre, fino a questo momento non hai dovuto affrontare dei momenti troppo difficili nella tua carriera e questo è un bene in quanto ti ha permesso di arrivare dove sei senza troppe difficoltà. Di momenti da ricordare ce ne sarebbero davvero tanti ed è per questo che non saprei dire quale è stato il momento più emozionante della tua carriera: chissà se quest'anno arriverai ad una finale di Champions o a vincere il campionato forse sarebbero questi.... Immagino che in questi due casi il tuo tipico squillo post-partita sarebbe molto più che festoso! Di solito non siamo io o tua madre a mandarti messaggi, ma aspettiamo che sia tu a farti viva e non so come, ma dal semplice squillo riesco a capire se la partita sia andata bene o male. È come se avesse un tono diverso per un momento allegro o meno. Quindi in attesa del prossimo, quello che ti auguro nella vita e nella tua carriera è di avere sempre fiducia, non solo in Dio, ma anche in sé stessa, per cercare di superare al meglio le prove che la vita certamente ti porrà sul suo cammino.

Con affetto,
il tu papà a volte “brontolone”

Mario

L'articolo originale è pubblicato sul numero di novembre 2012 di Pallavoliamo.it

The J-Factor: Juliann Faucette


Cosa ci fa il nome di Jualiann Faucette, nuovo opposto della Unendo Yamamay, tra gli interpreti del cast del musical “Guys and Dolls” della Westview High School? Si tratta forse di un caso di omonimia? Niente affatto. La Juliann Faucette del musical è proprio la stessa J che da quest'anno indossa la maglia numero 1 delle Farfalle di Busto Arsizio. “I musical sono una mia grande passione: preferisco assistere a questo tipo di spettacoli piuttosto che andare a vedere una qualsiasi altra piece teatrale o addirittura un semplice film al cinema. Il mio musical preferito è “Wicked” che narra la storia della strega cattiva del Mago di Oz prima di diventare tale. Quando frequentavo le scuole superiori ho persino preso parte a moltissimi musical: ballare, cantare e recitare erano cose che facevo e che adoravo fare, ma a causa degli allenamenti di pallavolo non avevo molto tempo da dedicare a queste attività. Il mio ricordo più bello è legato al musical “Guys and Dolls” dove recitavo la parte di una ballerina cubana e quindi dovevo sia cantare che ballare. È stato decisamente il ruolo più divertente che abbia mai interpretato grazie a tutti quei numeri di salsa e ai costumi dai colori brillanti”. 

Avete letto bene! Juliann non è solo una delle schiacciatrici più potenti del nostro campionato, ma è anche un'appassionata e talentuosa cantante che tra un allenamento e una partita trova il tempo di coltivare questa passione e ad esercitare le sue doti canore. Provate a digitare il suo nome sul motore di ricerca di You-Tube e troverete addirittura un canale con le sue performance: “Ho iniziato a cantare quando ero giovane ma ho imparato a farlo bene durante le scuole superiori grazie all'insegnante di canto che era uno delle migliori della California. Grazie a lei ho migliorato le mie doti canore ma una volta che sono andata al college ho dovuto mettere il canto da parte per dedicarmi a tempo pieno alla pallavolo. Mi capitava di cantare l'inno americano prima di un evento sportivo e qualche volta qualche amica mi chiamava per cantare al suo matrimonio.... ma niente di importante. Poi lo scorso anno mentre ero ad Urbino, mia madre mi ha chiesto a quale show volevo partecipare: “X Factor” o “The Voice” “ ricorda Juliann ridendo “All'epoca si stavano svolgendo le selezioni ma io, essendo in Italia, non potevo certo prenderne parte. Così ho aperto un canale su You-Tube per potermi esercitare e per poter mostrare le mie doti canore in vista di uno di quei due programmi. Alla fine però non ho mai fatto domanda e quindi quel canale è rimasto così ad uso personale. Non avrei mai potuto immaginare che le persone ne avrebbero scoperto l'esistenza e soprattutto che si affezionassero ad esso, ma dopo che ho cantato alla festa di presentazione della squadra qui a Busto il mio canale è stato letteralmente preso d'assalto soprattutto dagli italiani”. Una passione che non è affatto in conflitto con la sua carriera professionistica e che sembra invece essere complementare ad essa: “Se dovessi fare una scelta tra il cantare e il giocare a pallavolo mi troverei davanti ad una decisione davvero difficile da prendere. Non saprei davvero: io amo il mio sport e voglio diventare una grande giocatrice, ma cantare mi fa stare bene e mi dà un grande senso di libertà, una sensazione che a me piace davvero tanto e che mi permette di dare il meglio in campo”. 

Anche se queste due passioni continueranno ad esistere e convivere nel cuore di Juliann, per il momento l'opposto americano sembra aver deciso di dedicarsi seriamente alla sua carriera pallavolistica; una carriera che è iniziata nel 2004 al San Diego Volleyball Club: “Ho iniziato a giocare a 14 anni ed è stato grazie a mio padre che ho scoperto questo sport. Lui era un allenatore di football in Texas. Un'estate ero andata a trovarlo e lui mi chiese se volessi prendere parte ad un camp estivo di pallavolo. Io dissi di sì e così mi innamorai di questo sport. La prima volta che mi videro giocare pensarono che dovessi fare l'alzatrice” - ricorda Jualiann ridendo - “è davvero divertente ripensarci perché poi venne fuori che ero decisamente una schiacciatrice e anche molto potente. Diciamo che sono sollevata che qualcuno si sia reso conto dell'errore in tempo! Come alzatrice sarei stata un pesce fuor d'acqua!”. Sin dagli esordi, il destino di Juliann era in qualche modo legato all'Italia e alla pallavolo italiana: “da quando venni a conoscenza che dopo il college si poteva diventare una giocatrice professionista, avevo deciso che il mio futuro sarebbe stato in Italia. Innanzi tutto, sono per metà italiana: la mia nonna paterna è originaria della Sicilia, mentre dalla parte di mia madre, il nonno è del nord. Così sin da piccola ho imparato a conoscere ed ad apprezzare la cultura italiana. Inoltre, ero molto curiosa della pallavolo del vostro paese. Ricordo che spesso guardavo le foto delle giocatrici: in particolar modo ero affascinata da Francesca Piccinini e dal fatto che fosse così popolare in Italia. Sin dall'inizio sapevo che se avessi potuto sarei andata a giocare in Italia e quindi quando mi si è presentata l'occasione di andare ad Urbino non me la sono lasciata scappare”. Il sogno è diventato realtà lo scorso anno quando non solo Juliann ha finalmente indossato la maglia di una squadra italiana – quella della Chateau D'Ax – ma ha potuto anche giocare contro Francesca: “mentre le davo la mano all'inizio della partita e mentre giocavo contro di lei sorridevo a me stessa e pensavo che era impossibile che mi trovassi di fronte a quella giocatrice che fino a pochi mesi prima guardavo solo in foto. È stata una soddisfazione davvero grande realizzare quanta strada avevo fatto”. 

Ma le cose non accadono mai per una sola questione di fortuna: Juliann è una ragazza davvero motivata e una giocatrice che si dedica con grande passione e dedizione al suo lavoro: “sia che sia in campo come titolare o riserva, sia in palestra che nella vita di ogni giorno, sono una persona che dà tutta se stessa. Quello che mi caratterizza di più è la mia grande passione per questo sport e per la vita. Quando entro in campo sono felice e voglio quindi dare il meglio, sempre. Penso di essere una persona molto orgogliosa e questo mi permette di giocare sempre al massimo. Di certo sono una grande lavoratrice e quando mi prefiggo degli obiettivi non mi do pace fino a quando non li raggiungo. Il fatto che sia una grande perfezionista può essere però negativo, in quanto non è sempre possibile fare le cose alla perfezione e quindi questo mi fa stare male”. Tuttavia, anche se venire in Italia faceva parte del suo destino, lasciare gli Stati Uniti non è stato facile: “quando finalmente era giunto il momento di partire ero davvero nervosa e triste. Mi ricordo che ero all'aeroporto pronta per salutare i miei familiari e quando mi sono voltata e mi sono resa conto che non li avrei rivisti per tanto tempo mi sono un po' spaventata. Alla fine però tutto è andato per il verso giusto: ad Urbino sono stata benissimo e sono cresciuta davvero tanto sia a livello personale che professionale. Se devo dire la verità, la mia famiglia e il Texas mi mancano davvero molto. In Texas è dove sono andata a scuola e dove ho tutti i miei amici. Inoltre, anche se il cibo italiano è il mio preferito, mi manca davvero tanto il cibo messicano che trovavo là. Per non parlare del fatto che qui in Italia non riesco a trovare le asciugatrici per i panni” scherza Juliann. Durante il college, questo opposto originario di San Diego ha in poco tempo raggiunto grandi risultati e ha persino vestito la maglia della sua nazionale Juniores nel 2007. 

Il momento di svolta della sua carriera tuttavia è stato lo scorso anno durante un match cruciale contro quella che sarebbe poi diventata la sua attuale squadra: “la partita più importante che mi ha permesso di arrivare qui dove sono ora è stata la semifinale di CEV Cup che Urbino ha giocato contro Busto Arsizio. In quell'occasione ho avuto la possibilità di giocare e l'ho fatto davvero bene; in questo modo ho dimostrato a Busto di che pasta ero fatta e ora sono qui perché loro hanno visto qualcosa in me che li ha fatti decidere che era meglio avermi nella loro squadra piuttosto che come avversaria. Questo è stato decisamente il match più importante che ho giocato sino a questo momento perché altrimenti oggi non sarei qui con la maglia di una delle squadre più importanti della lega italiana. Quando Busto mi ha contattata sono stata felicissima ed eccitata all'idea. Ricordo precisamente il giorno che ho ricevuto l'email del manager della Unendo Yamamay: mi sono detta che volevo giocare in quel team, non solo perché avrei ritrovato la mia migliore amica Carli Lloyd, ma anche perché ero rimasta affascinata da come coach Parisi allenava la sua squadra e dall'alchimia che era riuscito a creare con le sue giocatrici. Volevo fare parte di quel gruppo così tanto che quando mi hanno chiamata non ci ho pensato due volte”. In fin dei conti, Juliann si definisce una persona entusiasta, ottimista, curiosa e che vive la sua vita fin in fondo e con molta sicurezza in se stessa: “Sono una persona positiva e credo in me stessa, o almeno cerco di dare l'idea di farlo; amo la vita e sono molto curiosa, aspetto di me che è sicuramente aumentato con gli anni. Infine sono davvero molto spirituale e una vera credente”. 

E anche se lei non crede molto in queste cose, J è un vero e proprio sagittario, in tutto e per tutto. L'opposto americano è nato il 25 ottobre del 1989 a San Diego un giorno un po' particolare in America in quanto cade proprio a ridosso o in concomitanza con i festeggiamenti per il Thanksgiving, il “Giorno del Ringraziamento” quando gli americani sfornano i grandi tacchini dai loro forni e passano la giornata in compagnia dei propri familiari, guardano il football in TV e rimpinzandosi di cibo: “qualche volta il giorno del mio compleanno coincide con il Thanksgiving e quando ero più piccola lo celebravo quindi con tutti i miei parenti a casa della nonna. Quando ho iniziato a giocare a pallavolo naturalmente questi incontri con la mia famiglia non erano più possibili e quindi un compleanno che ricordo sempre con grande affetto è stato quello del mio ultimo anno di college quando tutta la mia famiglia è venuta in Texas dalla California solo per stare con me e festeggiare il mio 21 compleanno, un traguardo davvero importante per un giovane americano. Ora che sono qui in Italia la distanza si fa sentire anche di più: lo scorso anno ero in campo a giocare e ho festeggiato con le mie compagne di squadra mangiando una torta. Ma la mia famiglia mi manca davvero tanto. Se potessi esprimere un desiderio sarebbe proprio quello di poterli avere affianco a me in questa giornata e più in generale di poter seguire la mia carriera avendoli sempre vicino. A livello professionistico infine vorrei davvero vincere il campionato quest'anno”. E chissà se spegnendo tutte le candeline della sua torta questo desiderio possa realizzarsi. In fondo, come ci insegna il suo musical preferito, quando si è con le persone più care è possibile infrangere i limiti e realizzare i desideri e sentirsi felici. 

L'articolo originale è pubblicato sul numero di novembre 2012 di Pallavoliamo.it
La foto di testata è di Max Ciuba per Pallavoliamo.it

lunedì 19 novembre 2012

Volley: un'altra impresa della KGS Robusport contro l'Asystel Mc Carnaghi

Pesaro centra un'altra impresa e batte al tie-break la Asystel Mc Carnghi:Moreno, Muresan e Gibbemeyer le principali fautrici del rimonto della KGS Robusport che dal 2 a 0 riesce poi ad imporsi al Palaborsani. Prossimo appuntamento venerdì 25 contro la Foppapedretti Bergamo.

Dopo la convincente prova contro Busto Arsizio, la KGS Robursport proverà a fermare un'altra grande: Villa Cortese delle ex Alix Klineman e Ilaria Garzaro. Le cortesine allenate da coach Caprara arrivano alla sfida dopo la sconfitta in campionato contro Conegliano e la vittoria in Champions League. Per le vici-campionesse d'Italia vincere è obbligatorio se si vuole mantenere il passo della capolista, un Piacenza che nell'anticipo di sabato ha vinto al tie-break contro Modena consolidando così il primato in classifica.

Coach Pistola si affida quindi al sestetto che solo una settimana fa ha compiuto la grande impresa con Signorile e Moreno in diagonale, Tirozzi e Muresan in banda, Chirichella e Gibemeyer al centro e De Gennaro a coprire. Caprara dal canto suo prova a schierare nello starting six Bosetti che sembra aver recuperato pienamente dall'infortunio alla spalla che si era procurata domenica scorsa sbattendo contro un led. Con lei banda Viganò, al palleggio Mojica, Barun opposta, Folie e Veljkovic centrali, Parrocchiale nel ruolo di libero.

Già sul 5-7, dopo un muro subito da Chirichella, Caprara decide di sostituire Bosetti con Malagurski. Pesaro non sbaglia nulla e a cavallo del primo time out tecnico vola 6-11 con un ace di Muresan; con il ritorno di Bosetti in campo, Villa risale dal 9-13 alla parità (due muri). Le padrone di casa trovano l'allungo definitivo con Mojica al servizio (18-15), firmato da Bosetti e Viganò. Folie sigla il 24-20; le marchigiane annullano due set point, ma ancora Folie con la fast mette a segno il 25-22.
 
E' sempre la centrale di Bolzano a trascinare le sue nell'avvio del secondo parziale e costringe Pistola al time out sul 6 a 2. Pesaro prova a risalire fino al 7-6, ma Barun mette fine allo slancio bianco-rosso. L’Asystel si porta avanti sul 16-13 e dopo il secondo time out tecnico Veljkovic mette a segno un attacco e un muro per che valgono il 19-15. Bosetti, sino a qui un po' in ombra, mette a terra l’ace del 21-17; il finale è tutto biancoblu con Folie e Barun a mettere la firma sul 25-19.

La partita sembra ormai saldamente nelle mani di Villa, ma all'inizio di set Moreno Pino si scatena e mette a segno ben 6 punti tra attacco e muro per il 2-9, approfittando anche del servizio di Manzano (entrata al posto di Chirichella). Caprara ricorre a un triplo cambio inserendo Rondon, Malagurski e Klineman, ma Villa rimane indietro. Pesaro è brava a gestire il vantaggio e nonostante Villa riesca ad annullare 4 set point è costretta ad arrendersi sul 22-25.
 
L'incontro si riapre: i problemi per Villa continuano all’inizio del quarto parziale anche a causa di due errori in attacco di Viganò che valgono il 4-9. Pesaro trova solidità in difesa e allunga sull’8-15 con Muresan e Tirozzi. Sul turno di servizio di Rondon, la MC-Carnaghi si rifà sotto con un break di 4-0. Bosetti e Barun riducono ulteriormente il distacco (15-16) e Villa riesce persino a farsi avanti (18-17). Il vantaggio dura poco: qualche imprecisione in fase di ricostruzione permette a Pesaro di recuperare e di portarsi sul 19-23. L’errore di Folie regala 5 set point e la Kgs chiude al primo tentativo.

Nel tie-break Caprara decide di lasciare in campo Rondon al posto di Mojica. L'inizio è caratterizzato dal grande equilibrio fino al 4-4; poi è Pesaro, approfittando dei problemi in ricezione di Villa, a portarsi avanti sul 4-7. Le bianco-blu commettono altri due errori e il muro di Moreno Pino su Viganò vale il 5-10. Nel finale, la Kgs dilaga e chiude addirittura con tre muri consecutivi di Gibbemeyer, Tirozzi e Moreno Pino per il 7-15.

Asystel MC-Carnaghi Villa Cortese-Kgs Pesaro: 2-3 (25-22, 25-19, 22-25, 19-25, 7-15)
Villa C.: Malagurski 2, Viganò 5, Mojica 1, Nomikou ne, Klineman 2, Folie 17, Veljkovic 15, Garzaro ne, Barun 18, Bosetti 14, Parrocchiale (L), Rondon 3. All. Caprara.
Pesaro: Moreno Pino 28, Valpiani, Gibbemeyer 16, De Gennaro (L), Lestini ne, Manzano 3, Chirichella 3, Dekani ne, Signorile 2, Tirozzi 14, Muresan 18. All. Pistola.
Note: Villa: battute vincenti 4, battute sbagliate 9, attacco 38%, ricezione 62%-37%, muri 10, errori 22. Pesaro: battute vincenti 5, battute sbagliate 6, attacco 43%, ricezione 61%-43%, muri 9, errori 21.

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Pesaro del 19/11/2012

domenica 11 novembre 2012

Volley: la KGS Robursport Pesaro travolge la Unendo Yamamay Busto Arsizio

Contro ogni pronostico la KGS Pesaro batte per 3 a 0 la Unendo Yamamay. Primo set saldamente in mano a Pesaro con Chirichella e Gibbermayer sugli scudi; dopo una seconda frazione di sorpassi e controsorpassi, il terzo set si chiude a quota 28 con il muro di Chirichella.

Al Palacampanara arrivano le campionesse d'Italia della Unendo Yamamay Busto Arsizio, al momento seconde in classifica con 7 punti. Le Farfalle giungono a Pesaro dopo la netta vittoria per 3 a 0 contro la Icos Crema che ha ridato il giusto morale alle ragazze di Parisi dopo la battuta d'arresto contro Bergamo. La KGS invece cerca il riscatto dopo la sconfitta per 3 a 1 sul campo di Chieri, partita che, nonostante il risultato negativo, ha dimostrato che le bianco-rosse hanno il giusto carattere e le giuste armi per mettere in difficoltà anche le “grandi”. Tra le farfalle, la ex Brinker, schierata oggi al posto di Faucette.

Pistola si affida al suo sestetto ufficiale con Signorile al palleggio, Tirozzi e Muresan, Gibbermayer e Chirichella al centro, Moreno opposto e De Gennaro libero; Parisi, insieme a Brinker schiera Marcon in banda, Bauer e Arrighetti al centro, Lloyd in diagonale con Kozuch, Leonardi libero. Prima del fischio d'inizio la Robursport premia Mikhail Ryndov, un tifoso russo appassionato delle Colibrì da quando Pesaro affrontò la Dinamo Mossca in coppa Cev.

Partenza un po' confusa di Busto; Pesaro ne approfitta trascinata soprattutto da Chirichella che prima mura Arrighetti e poi dà il punto del primo time-out tecnico a Pesaro (8-3). Lloyd serve costantemente Kozuch che però non riesce a concludere anche grazie al muro bianco-rosso che è ben piazzato e le chiude le vie d'attacco. La seconda frazione di questo primo set è invece marcata Gybbermayer, precisa a muro e efficace in attacco (16-11). Partendo dalla difesa la Unendo cerca di risalire ma i problemi in attacco rimangono: Parisi prova allora il cambio in regia e la Unendo si rifà sotto grazie anche a due errori consecutivi di Tirozzi in attacco (20-17). La partita si riapre con l'errore di Kenny Moreno e il muro di Arrighetti su Muresan (22-20). Il muro di Muresan su Kozuch dà il primo set point alla KGS; chiude il muro di Chirichella su Arrighetti (25-20).

Busto parte forte con Marcon e Arrighetti, costringendo subito Pistola al time-out (1-4). Il muro di Pesaro constinua a leggere bene gli attacchi bustocchi e con un muro prima su Bauer e poi su Marcon si porta sul 5 pari. Con il nuovo muro su Marcon, Parisi richiama le sue ma nell'attacco di Busto regna ancora troppa confusione per permetterle di allungare (7-8). Con Bauer in battuta la Unendo Yamamay trova un buon break (7-10) ma questa sera Lloyd non trova la giusta intesa con le sue compagne e Pesaro trova la parità a quota 13 e con Muresan inaresstabile a rete arriva in volata alla seconda sospensione tecnica (16-15). Busto non molla e con Lombardo in battuta allunga sul 18-20. L'ennesimo errore in attaco di Kozuch obbliga Parisi a gettare nella mischia Faucette che viene subito murata dando il nuovo vantaggio alla KGS (21-20). Il muro di Gibbermayer su una cattiva ricezione di Bisconti dà il primo set point; Faucette spara fuori e la KGS Roburpsort si porta sul 2 a 0.

Nel terzo set Faucette rimane in campo per Kozuch, ma il risultato in attacco stenta ad arrivare. Tirozzi carica le sue prima con una pipe e poi con un ace (4-1). Il muro di Arrighetti su Moreno rimette però le due squadre in parità (4-4); si procede punto a punto, muro su muro ma sono nuovamente le padrone di casa a staccare per prime il punto della prima sospensione tecnica (8-6).Con Moreno Pino Pesaro allunga (13-9) ma i troppi errori in attacco rimettono le avversarie in gioco (14-14). La KGS trova un break di tre punti con Tirozzi in battuta finalizzato poi da Gibbemeyer davvero inarrestabile questa sera (18-15). Quando Pesaro sembra aver ormai il controllo della partita alcuni errori di ingenuità di Chirichella rimettono le Farfalle in corsa (23-20). Gybbemeyer mette a terra il pallone del match point; Moreno sbaglia però la prima possibilità e Arrighetti nega a muro la seconda (24-23). Una ricezione negativa permette ad Arrighetti di mettere a terra il punto del 24 pari. Il finale di set si gioca punto su punto: l'errore di Muresan dà la palla della salvezza a Busto che però spreca tutto sbagliando dai sei metri. Gibbemeyer mette a terra un ace che incorona la sua performance. Chiude Chirichella con un muro su Marcon (28-26).

Contento Pistola che loda il gioco delle sue ragazze e soprattutto la “maturità e l'aggressività” che erano mancate soprattutto nella gara contro Piacenza ma che questa sera hanno permesso alle Colibrì di avere la meglio sulle campionesse italiane: “una bella prova tecnica e tattica nella quale abbiamo dimostrato un buon ordine al servizio e nella fase di muro-difesa”. Parisi rende merito al gioco delle avversarie e sottolinea come ancora nella sua squadra manchino alcuni equilibri in campo: “la squadra era troppo contratta e non abbiamo saputo credere nelle nostre possibilità come invece hanno fatto le ragazze di Pesaro”.

Foto di Danilo Billi

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Pesaro del 11/11/2012

lunedì 5 novembre 2012

Volley: la KGS esce sconfitta dal Palarufini ma a testa alta

Dopo un match equilibratissimo, la KGS Robur Pesaro si arrende per 3 a 1 ad una Duck Farm Chieri Torino più lucida e ordinata nei momenti caldi del match. Una buona prova comunque per Pesaro, che non riesce a gestire al meglio i vantaggi accumulati.

In un Palarufini gremito (3.800 spettatori) la KGS Robur Pesaro ritrova al di là della rete il capitano dei tre scudetti, Martina Guiggi che dopo la stagione a Villa Cortese veste i colori della Duck Farm Torino allenata da Francois Salvagni. Dopo le prime due giornate, entrambe le formazioni sono ferme a quota 2 dopo una vittoria al tie break e una sconfitta per 3 a 0. Il match si annuncia ad essere equilibrato. Salvagni manda in campo Piccini, Ravetta, Sorokaite, Bechis, Guiggi, Fernandez e Sirressi. Pistola risponde con il consueto sestetto bianco-rosso: Tirozzi, Gibbermeyer, Kenny Moreno, Signorile, Muresan, Chirichella e De Gennaro.

Primo set fatto di allunghi e rimonte per entrambe le formazioni. In apertura è infatti la Duck Farm a prendere un mini break (8-6) per poi lasciarsi riprendere e superare dalle ragazze della Robur Pesaro capaci di mettere insieme una striscia vincente di 7 punti (9-14). Quando la partita sembra però archiviata per le bianco-rosse, Piccinini e compagne, letteralmente trascinate da Ravetta, si rifanno sotto con un parziale di 5 a 0. La rimonta delle piemontesi arriva a quota 22 e con un gioco in attacco ben gestito da Bechis, le padroni di casa si ritrovano al set point. Ultimo sussulto con le Colibrì che con grinta mettono a terra il pallone del 24 pari; ma è solo questione di pochi palloni. La Duck Farm chiude i conti a quota 26.

Questa volta è la squadra di Pistola a dettare subito i ritmi del set e a portarsi in avanti fino all' 11-15. Le ragazze di coach Salvagni cercano di reagire e impattano a quota 17. Come nella prima frazione le Colibrì non sono in grado di gestire un buon margine di vantaggio e le padrone di casa ne approfittano per portarsi avanti di due lunghezze con gli attacchi di Sorokaite. Il finale di set è nuovamente in volata, e si gioca punto a punto: 21 a 21, 22 a 22, 23 a 23; Ravetta e Chirichella mandano le due squadre a quota 25. Tirozzi guadagna il set point sul 25 a 26, ma ci vogliono altri due punti per chiudere il set sul 27 a 29. La partita si riapre.

Le padrone di casa ritornano in campo con più determinazione e tagliano per prime il traguardo della prima sospensione tecnica (8-5) e mantenendo le tre lunghezze di vantaggio fino al 16-13. Questa volta le ragazze di coach Salvagni sono più attente e contengono la rimonta bianco-rossa, frenata anche dalle basse percentuali di realizzazione ferme al 27%. Chieri chiude senza ulteriori difficoltà sul 25 a 20.

Per allungare la partita le Colibrì devono assolutamente fare loro questo 4 parziale, ma la Duck Farm vuole chiudere qui un match ad alto rischio. Al primo time-out tecnico il tabellone recita 4 a 8 per le ospiti, ma il ritorno di Chieri non si fa attendere e il match ritorna in parità (9-9). Con Tirozzi la KGS trova un parziale di 3 punti (13-16), ma come successo nel corso di tutta la partita Pesaro non riesce a mantenere il vantaggio e subisce il ritorno delle piemontesi (18-17). Chieri allunga ancora e chiude Piccinini sul 25-21.

Prova comunque positiva per la KGS, che gioca bene a muro (11 blocks) e in ricezione (65%) ma paga qualche errore di giovinezza nei momenti più caldi del match. Nel prossimo turno la KGS affronterà in casa sabato 10 novembre le campionesse d'Italia della Yamamay Unendo Busto Arsizio. Appuntamento al Palacampanara alle ore 20.30.

Foto di Danilo Billi per Robursport Pesaro.

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Pesaro del 5/11/2012