lunedì 14 maggio 2012

Le azzurre della Ginnastica Artistica sul podio degli Europei di Bruxelles

BRUXELLES - Le azzurre salgono sul terzo gradino dei podio a pochi punti da Romania e Russia: dopo la conquista del pass olimpico, altra grande prova delle ragazze della ginnastica artistica. Oro all'azzurina Enus Mariani nel Concorso Generale Juniores.
Vanessa Ferrari, Erika Fasana, Francesca Deagostini, Giorgia Campana e Carlotta Ferlito si aggiudicano la medaglia di bronzo ai Campionati Europei a squadre di Bruxelles con il punteggio complessivo di 171.430. L’oro va alla Romania che con il totale di 176.288 toglie il titolo alla Russia, seconda con 175.536 e protagonista di una grande rimonta nella terzo e quarta rotazione. A seguire Gran Bretagna (167.763) e Francia (164.295), le due squadre più insidiose per le nostre azzurre; chiudono Belgio (163.821), Spagna (163.522) e Germania (160.497).
Mentre la Romania con Izbasa e Ponor prendeva letteralmente il volo alle parallele e al corpo libero nella prima e seconda rotazione, Komova e Mustafina facevano registrare delle prove al di sotto delle aspettative che trascinano la Russia al quarto posto, proprio dietro l'Italia che nonostante qualche imperfezione al corpo libero e alle paralle, fa registrare dei grandi punteggi alla trave grazie a Deagostini e Ferlito. 
A dare maggior spessore al punteggio azzurro ci pensa poi Vanessa Ferrari che con il suo 14.400 spezza decisamente le speranze inglesi di superare le italiane.

L'atto finale degli Europei si gioca sul filo di lana. Al volteggio le azzurre continuano a volare con Erika Fasana, capace di strappare un 14.633 grazie a un doppio avvitamento perfettamente concluso. Il totale italiano è di 171.430 e vale il bronzo. Intanto la Russia ritrova sia Mustafina che Komova e risponde punto su punto alle romene. Ma non basta: Ponor e compagne sono più precise e conquistano l'oro.

Nella giornata di venerdì, intanto, i colori italiani svettavano ancora grazie all'oro di Enus Mariani che nel concorso generale juniores sbaraglia letteralmente le proprie avversarie nonostante le cadute in qualifica sia alla trave che alla parallele. La 14enne di Cuneo si laurea campionessa europea con il punteggio complessivo di 56.265, superando anche la favorita della vigilia, la russa Shelgunova.

Nessuna giovanissima era mai riuscita prima ad aggiudicarsi l’All-around continentale; neppure Vanessa Ferrari - che sabato si è messa al servizio della compagna preparandole gli staggi delle parallele - ad Amsterdam nel 2004, era riuscita nell'impresa qualificandosi seconda dopo la Nestor.
L'articolo originale è pubblicato su Vivere Italia del 14/05/2012. La foto è pubblicata sul sito della Federazione Italiana Ginnastica Artistica. 

Nessun commento:

Posta un commento