mercoledì 20 aprile 2011

Desi Wilson: English version

When I first met Desi, she was celebrating with her teammates the victory of the Cev Cup. I can't remember how we entered into conversation, but my first thought was: wow, she is such an outgoing person! It can't be the same one who only a few minutes ago was so focused and aggressive on court. “Yes, on court and off I am very different. When I play I'm very concentrate, serious and quite aggressive, but off courts I transform myself; I like joking around all the times, I don't take me so much seriously and I'm very out going and easy going. The word that would describe me best is “crazy”....but not in a negative way. I love playing jokes to everyone, and, I have to admit, sometimes I have a very bad mouth”. When Desi speaks you can really sense and feel her energy and radiance, the very same brightness and vitality that one thinks belong to Fiji, Desi's birthplace. “I was born in Fiji and I speak perfectly Fijian. Makare, my real name, means “Clear Water” in my the local language. Now for everyone I am Desi, the short form of Desilet, my family name. I have still part of my family in Fiji and I think that everyone knows me there as I'm the only professional player from those islands. It's the most beautiful place in the world. What I miss the most from those lands is food. You know, food is very important to me” she tells me laughing. “In Fiji we eat a mix of everything, from fish to pork, and I think that now I can eat everything as I am so used to this mixture of food. It's difficult to describe as it is very different from everything you have in Italy or Europe...we eat the same things as pork or fish, but we simply prepare them in a different way. A typical ingredient I like very much is curry: in Fiji we had a lot of Indian influence in the past and so their cuisine has been adapted and has become part of our tradition as well. Moreover, I really love “Lovo”, that is a specific way of cooking food. We use this technique everywhere in the different islands. In Fijian, “Lovo” means “earth oven”. The basic concept involves burying meat, fish or vegetables underground along with hot coals or a similar source of heat. We dig a pit and then we put stones inside and around and we set a fire. When the stones are warm you can cook any kind of wrapped food on it by covering everything with a blanket. The only inconvenient is that it takes nearly four hours to cook your food with “Lovo”, but you could use it everywhere, even here in Urbino if it wasn't so cold”. The link with her home land is so strong that she named her daughter after one of the islands of Fiji: “My daughter's name is Wakaya like a small island of Fiji. My father used to bring there my brother and myself on holidays when we were little and I have been alway fascinated by that place. Now, some friends of mine manage the island and it is a place where movie stars often go. Some years ago, for instance Pierce Brosnam was there. It is quite an exclusive place. At that time, I wanted an exotic name for my daughter, something special for her, not normal...as she is not a “normal” girl and so the name is perfect for her”. Now Wakaya is 8 years old and lives in California: Desi goes back home every summer, but she misses her daughter very much: “the distance is very hard for both of us. I try not to think about it too much though, otherwise I wouldn't be able to focus on my work. I think you have to get a bit numb to the situation. We talk a lot through Skype: it's great as she has become older now and so she can express better her thoughts and feelings. It's nearly time for me to stop playing volleyball and watch her playing. At this moment I'm not pushing her to anything: she is eight years old and she does what she likes”. But it looks like that the girl is following the very same steps that brought Desi to become the great athlete she is now: “My mum was actually a volleyball player and she played for the national team of Fiji. I started there with her when I was very very young and I was following her to practice and to the matches. When she was playing, I was always around her crying, grabbing her legs and asking when we could go home and that I had enough of volley. It's kind of funny as right now I'm living the same situation with my daughter. Now, in fact, it's Wakaya that steps in the court and tells me that she wants to go home and that she is tired. When I was her age I was not pressured towards volley: I tried many other sports such as track, basketball, swimming...volley was something that came easy for me and when I started playing I simply couldn't stop anymore. It's something that is in my blood and that I love doing”. If maybe volleyball was in her DNA thanks to her mother, there is another person that Desi wants to thank for becoming a professional player “beside my mum, if there is a person I should thank, this is my stepfather. Sure, every coach influenced me and my game, in their own way, but without my stepfather I wouldn't have become a professional player. You know, with the situation I had in my family, we were only my mum, my sister and I; it's amazing as this man came in our family and played an important part in my career: he always supported me in my decisions, he was the one who brought me to trainings and to competitions, and finally he helped me to enter the team of Washington University. Not to mention the fact that it was him who taught me the values and the discipline in sport. I owned a lot to him”. Thus, in 1994, at the age of 18, Desi leaves the beautiful shores of Fiji to land in Washington, Canada. “At that time I was awarded a scholarship to play for Washington University in Canada. I was very lucky because there I had the chance to learn how to play volleyball professionally. Then, I was capped by the national team. Playing for your country is a great honor, but the only problem was that they made me play in position four and not middle. Actually, I don't know what they were thinking because I had never played in that position before. Maybe they thought that as I could jump very high, I could fit perfectly in that position; but unluckily, as I learned on my skin, jumping is not the only skill you need to play as a spiker”. With her positive attitude, Desi made the best of a bad job. “Playing in that position helped me to become a much more versatile player though”. Thus, after a couple of years in the national selection, the future middle of Chateau D'Ax Urbino moved to Reggio Emilia, Italy, to play in her first professional team.”Italy had a lot to offer to me, from volley to culture and history. And sure, food: Urbino staff talks about it every time. They constantly talk about how amazing Italy is. It's funny but they are absolutely right”. However, in 2001, after a good season, Desi decided to stop playing for two years: “I decided to stop as I was married and I had just had my daughter, so I couldn't play off season anymore. At that time a good friend of mine, Tyra Turner, started playing beach volley and needed a partner. She wanted to play and so she asked me to join her: I liked the idea as I could stay in America and play. I accepted and it really went good for both of us: we played for the professional tour (the AVP) and also for the FIVB”. Desi went back to indoor volley in 2006, when she flew to Turkey to play with Telekom Ankara. “ I really liked Turkey as it was a great surprise for me. Normally, people are worried about muslim culture especially in the States; but I loved living there: people are very friendly and they aren't what I had expected at all. They are very westernized and Turkish society is a huge mix where there's not such a great separation between poor and reach”. The following season, she moved again, this time to reach Russia: “Every culture is extremely different. For me playing in so different countries is an extraordinary experience, as I love traveling and getting in touch with different languages and different cultures. There are pros and cons, sure, but all of them were great experiences for me. In Russia, my team was located nearly next to Siberia...actually it was 30 kilometers away from the Chinese borders. No doubt that it was a great change for me. Despite the cold, I was fortunate to be in a great club and a great society. My teammates, in fact, made my staying great. Girls in Russia are huge, I couldn't believe how huge they were at the beginning...I think there must be something in the Vodka they drink”. And ultimately, in 2009, the Fijian middle blocker made her second appearance in the Italian championship, this time with the Spes Conegliano: “ That season was horrible both for me and the club. It was an unfortunate situation because on the paper we had a good team, not so good to win the championship but good enough not to finish last. After such a bad season, you have simply to look forwards and hope for a better one next year”. And Desi's hope were more than fulfilled. During the summer, Urbino looked for her and offered the Fijian player a role as a first-string middle blocker. “I was shocked actually, because after last season I thought that I would have never played again in the Italian league. Besides, Conegliano was my first time in Italy since I had left in 2001; until that point, I had only played in Russia and Turkey, and so nobody really knew me here. I was sure that after that performance in Conegliano no Italian team would dare to call me. Instead Urbino did. I was shocked and at the same time very thankful”. At the court of coach Salvagni, Desi found the right atmosphere to recoup her career and to write an historical leg in the history of the Italian cup by winning the Cev Cup. “I mean, just winning two matches in a row after the previous season was for me a success. My family teases at me for this reason as they were saying: “you have already won 4 matches in a row..wow... you can stop playing now!”. Playing the Cev cup for the first time and winning it was absolutely fantastic. I'm very excited for my club as we have the chance to play for other great results this season. I really like my team and our staff: i can't say enough good things about this club and all the people that work with us”. The peak of this season for the little Italian society has been the Cev Cup, but Desi and teammates have been able to reach the fourth position in the Italian league. So, what is the secret of this success? “I think that there's no secret at all. We're a very closed group of girls. It's like we are the pieces of a puzzle who simply match perfectly together. There's not one superstar in our team; there's no one player more important than the others. Everybody knows her role and is happy with it. We are just working well together”. Watching her playing, you may say that the Fijian native is one of the leaders of this team, but she does not see it in this way: “I don't know if I really have a role in the team as every person takes something different from you. All I can say is that I try to give my best every match: I try to do what my coach asks me to do and what I am supposed to do at my best. That' s the only thing I am worry about: just having my job done. Along with it if I have a good influence to my teammates I am happy with it, but it's not a role”. Her steal determination and the right environment helped Desi to reach the first position as the best middle-blocker of the Italian league with 232 points in 19 matches and 54 blocks. And the season has not finished yet. “At this point I would say that blocking is my strongest point, definitely. I have improved a lot during this season. I'm doing very good in this part of my game. Instead I think I have still to improve a lot of things. As I have switched position to the middle, last year it was the first time I played so much behind the setter and so I feel I have to improve my run and movements. It's still a new position for me”. A lesson of humility and professionalism for everyone who may think that the best player in her role has something to improve. And there is no surprise of such a thought from a players who has just finished to read Tolstoy's “War and Peace”: “During my free time I love reading. I have just finished “War and Peace” by Tolstoy: not a very light reading, let me tell you. Many people talked about this book, so I told to myself “lets me see what it is about”. I won't never ask this again, trust me. Actually, I read a bit of everything, but my favorite books are the old classics”. Like water can penetrate even in the most narrows cracks and is always in movement, so Makare lives her life and sees her future: “as far as volleyball goes, I think that I am going to play for another two years – although I have been saying that for five years by now – and then stop. I want to finish strong: i don't want to finish when I'm at the bottom of the pack. My wish is finishing when I'm still at the top and with a good club, one I have a good connection with. Personally, I'd like to start a new path, a new career, something I can get so passionate as volleyball. I hope that it won't be something connected to volley either because at this point of my life I think I have learnt all what you have to know about it. I want to educate myself in something different”.

martedì 19 aprile 2011

I diari del Camper: A Istanbul con i Balusch

Quando Manon Flier ha messo a terra l'ace del 15 a 11 contro il Volero Zurigo, sono subito corsa a segnarmi per il viaggio a Istanbul. Erano due anni che sognavamo la qualificazione alle Final Four di Champions League, ed ora che quel momento era finalmente arrivato, non mi sembrava vero! Ma non c'era un minuto da perdere: c'erano i biglietti da comprare, i cori da preparare, gli striscioni da scrivere. Quando le ragazze della Scavolini sarebbero entrate in campo volevamo essere lì per dare loro tutto il nostro appoggio. A dire il vero, dopo la vittoria contro Mosca, un certo presentimento già l'avevo e per questo mi ero subito messa a cercare le informazioni per la trasferta turca. E non ero la sola entusiasta. Nel giro di pochi minuti , quella stessa sera, si erano infatti prenotati altri dieci Balusch, e con il passare dei giorni il numero era cresciuto tanto che dai trenta posti che all'inizio ci avevano assegnato siamo balzati ad una cinquantina. Un numero record per noi tifosi pesaresi. Con noi c'erano anche i genitori di alcune giocatrici – la madre della Ferretti, che non manca mai e l'abbiamo quasi adottata, i genitori di Martina Guiggi, di Elisa Manzano, di Monica De Gennaro e delle sorelle Usic. Il problema era organizzare il tutto alla perfezione: a causa dell'aereo, infatti, non potevamo certo portare mega striscioni o tamburi! Per riuscire a portare tutto ci siamo così divisi le cose: qualcuno si è preso le sciarpe, altri hanno caricato le bandiere, altri ancora le manine per fare un po' di rumore. Avevamo pure trovato il modo di trasportare i megafoni! Peccato che al nostro arrivo ad Istanbul alla dogana non riuscissero a capire che cosa fossero e non ce li volessero far passare! Con le buone siamo riusciti a convincere l'agente che quegli “oggetti non identificati” non erano assolutamente pericolosi. Ma per nostra sfortuna, i problemi erano finiti qui! Dopo aver, infatti, portato i tre megafoni per tutto il giorno a spalla, al nostro arrivo al palazzetto dello sport ci sentiamo dire che non era consentito usarli durante la partita! “Come, come? E da quando non si può?” ho chiesto con il mio inglese un po' stiracchiato. Niente da fare, gli stuart turchi non si sono lasciati piegare e ce li hanno requisiti! Fortuna che avevamo smontato le trombette e che quindi non sono riusciti a capire cosa fossero! Altrimenti sono sicura che ci avrebbero portato via pure quelle! In questo modo siamo riusciti a fare un po' di rumore e a farci sentire un poco. E sottolineo il poco! Immaginate la situazione: 80 Balusch senza megafoni contro 7.000 mila turchi...ci hanno sovrastato per tutto il match! Non è bastato neppure il vocione di un tifoso moscovita della Scavolini che si è unito a noi a Istanbul! Un ragazzo simpatico e pieno di entusiasmo e che ha anche regalato rose bianche e rosse alle nostre ragazze. Un Balusch con i fiocchi, anche se gli abbiamo dovuto insegnargli a pronunciare bene la parola Pesaro perché prima, onestamente, proprio non lo sapeva fare! Così,tutto orgoglioso ha cantato sempre PE-SA-RO con il suo accento inconfondibile! Ma la cosa che ci ha fatto più arrabbiare è stato scoprire che i tifosi turchi i megafoni e i tamburi li avevano eccome! Il tutto unito ad un'amplificazione quasi da discoteca che dava il massimo proprio nel momento in cui le nostre ragazze andavano in battuta! A parte questo, l'atmosfera che si respirava era davvero magica! Il tifo turco era degno di quello di uno stadio da calcio: avevano distribuito a tutti quanti la maglietta gialla del Fenerbache e quindi, quando le squadre sono entrate in campo, l'intero impianto era colorato di giallo! Il tifo era alle stelle, e la partecipazione di tutto il pubblico dava davvero i brividi! Ma non potevamo lasciarci distrarre, noi eravamo lì solo per le nostre ragazze. Eravamo comunque consapevoli che sarebbe stata dura: dopo la partenza di Destinee, anche se la squadra durante quelle settimane si era compattata, sapevamo che la nostra formazione era menomata e che la mancanza di un martello che avrebbe dovuto buttare a terra i palloni si sarebbe fatta sentire soprattutto a livello tecnico. Ma sapevamo anche che le nostre ragazze avrebbero dato tutte loro stesse per questa partita contro il Baku, ma temevamo che forse non sarebbe bastato. E così, ahimè, è stato! La sfortuna poi è sembrata accanirsi contro di noi: durante il riscaldamento Manon si è infatti infortunata. In quel momento non osavamo pensare quale potesse essere il morale delle ragazze dopo tutte quelle cose che erano capitate. Per questo non possiamo recriminare nulla alle nostre ragazze. Alla fine della seconda partita poi, le nostre eroine sono venute su tra di noi: è stato un momento davvero piacevole e avremmo voluto dire loro che nonostante il risultato eravamo davvero orgogliosi di quanto avevano fatto e per come avevano lottato! Ma il momento più bello è stato riabbracciare il nostro Zé Roberto! Il mitico “Zio”, dopo aver perso la semifinale contro il VakifGunes TTelekom di Guidetti, è passato sotto la nostra curva e ci ha urlato “ora vado in conferenza stampa e poi voglio venire a salutarvi tutti”...ed è stato di parola! Abbiamo anche mantenuto una tradizione che ci univa a Zé quando allenava a Pesaro: la sigaretta post partita! Anche se eravamo in terra turca, l'abbiamo onorata! Tra una tirata e l'altra Zè ci ha raccontato della sua esperienza in Turchia, del mondiale e non mi sono lasciata l'occasione per lanciare una frecciatina al nostro ex coach: “certo Zé che sei sfortunato con questa Champions: con noi non l'hai vinta, quest'anno neppure” e il mitico Zé con la sua calma di sempre mi ha risposto “però vi abbiamo vinto ai mondiali”. Va bene, lo ammetto, me la sono cercata! In fin dei conti, nonostante la trasferta non sia stata vittoriosa come speravamo, questi tre giorni ad Istanbul sono stati una bellissima esperienza: moschee, falafel, colori e sapori per noi tutti nuovi! Da veri VIP siamo anche andati a mangiare nel ristorante al sesto piano del VOLLEY HOTEL, il luogo che ospitava tutte le squadre: dico VIP perché i prezzi erano alle stelle...ma vedere l'impianto di gioco da lassù, credetemi è un'emozione unica! E dato che eravamo in Turchia, per smaltire la sconfitta e sentirmi più parte della cultura locale....un bel bagno turco non me lo ha negato nessuno!

L'articolo origianale è pubblicato sul numero del mese d'aprile 2011 di Pallavoliamo www.pallavoliamo.it

Mi Fido di Te: Veronica Angeloni e Leopoldo

Datemi un pallone e vedrete cosa riesco a fare! Pallavolo, calcio....sono bravo in tutti gli sport! Come chi sono? Sono Leopoldo, il fedele amico a quattro zampe di Veronica Angeloni. Come la mia padroncina sono un super atleta: basta vedere come sono bravo a riportarle la pallina quando Veronica me la lancia. Più veloce di un fulmine! Amo giocare con lei, soprattutto nel parco...ma non portatemi in un palazzetto: quando vedo un pallone impazzisco letteralmente. Una volta Veronica ha provato a portarmi a vedere un'amichevole di pallavolo e devo ammettere che ho fatto un disastro. Abbaiavo così tanto che la mia padroncina è dovuta fuggire! Beh...ognuno ha le sue debolezze! A parte questo però sono un cane super ubbidiente...diciamo che a forza di sgridate ho messo un po' la testa apposto. Quando ero piccolo, infatti, devo ammettere che ero un po' dispettoso: smangiucchiavo un po' di tutto e mi piaceva troppo nascondermi dentro il borsone di Veronica. Qualche volta ho rischiato di andare agli allenamenti con lei! Ma sto migliorando! Per esempio, ora che non sono più un cucciolotto – ho un anno e mezzo – la mia padroncina non vuole che dorma più sul letto e io, più o meno, ubbidisco. Vi faccio un esempio. Dovete sapere che la mia cuccia è proprio sotto il letto di Veronica; una volta, quando era ora di andare a dormire, ho ho fatto tutto il giro e mi sono messo con il muso sopra il letto e lei mi ha detto “no Leo”: io sono tornato indietro veloce veloce. Appena però ha spento la luce ci ho riprovato: tic, tic, tic, tic, tic, tic ho rifatto il giro e ….niente da fare. Veronica mi ha detto “no Leo” ed io ubbidiente sono tornato quatto quatto verso la mia cuccia. Bravo eh?! Ma appena suona la sveglia salto sempre su: questo non me lo può negare nessuno! Vivo un po' in simbiosi con la mia padroncina: basta pensare che apro gli occhi solo al suono della sua sveglia e che la seguo ovunque. Sono un po' la sua ombra e ho un sesto senso per capire quando è giù. Quando vedo Veronica triste, io mi metto lì vicino a lei, appoggio il mio muso sulle ginocchia e rimango lì fermo a guardarla. Non mi serve parlare per farle capire che le sono vicino e che la voglio aiutare! Sono sempre pronto a dare – e soprattutto a ricevere – le coccole: eh sì, sono un coccolone. E che volete pretendere con un nome come Leopoldo? Solo a sussurrarlo si capisce che è il nome adatto a un pacioccone come me! Veronica l'ha scelto proprio per questo. Lei ama i cani: i suoi genitori ne hanno addirittura tre. Lei, comunque, aveva il desiderio di avere un cane tutto per se', perché, per quelli che non lo sanno le giocatrici, anche se sono sempre in viaggio, alla fine sono spesso sole e vivere lontano dalla famiglia e dagli affetti non è sempre facile. Veronica aveva così voglia di avere un po' di compagnia e ha quindi pensato di prendere un cane. Ma non una razza qualsiasi: lei voleva un Cocker. Così ha iniziato a cercare e ad informarsi sugli allevamenti in zona. All'inizio ne aveva trovato uno ma non c'erano cuccioli disponibili. E per fortuna direi! Infatti, poco tempo dopo un suo amico le ha mandato un messaggio con la foto di un cucciolo di Cocker Spaniel: da quanto era bello all'inizio Veronica pensava che fosse una cartolina. E invece no: ero io, più vero che mai. Lei si è fiondata così a Torino e lì c'ero io con il mio testone enorme e le orecchie lunghe. Come dice lei, ero semplicemente “fantastico”. É stato amore a prima vista, ne sono sicuro. Quando lei è arrivata, io ero appoggiato al muro cercando di schiacciare un pisolino sdraiato al sole: quando l'ho vista mi sono alzato e ho fatto un mega sbadiglio. L'ho conquistata così: dice che assomigliavo ad un leone. Adesso non esageriamo: sì, ho lo stesso colore biondo-scuro e il pelo lungo...ma il mio musone e le orecchie lunghe mi danno un aspetto più docile. Non trovate? Lo so lo so, sono semplicemente irresistibile! Il merito è anche della dieta che seguo – anche se non proprio volentieri ci tengo ad aggiungere. Eh sì! Il veterinario ha detto alla mia padroncina di darmi solo crocchette, e Veronica non sgarra mai. Io ci provo ogni tanto a racimolare qualche cosa di più succulento, ma il mio sguardo da angioletto o da “cane bastonato che non magia da un anno” proprio non funziona! E pensare che mi ritenevo un bravo attore! E invece nulla....non funziona neanche con le sue amiche! E' una congiura! Ma non mi posso lamentare più di tanto! La mia padroncina mi compra di tutto e di più! Ogni volta che va al supermercato puntualmente mi compra una pallina, un osso o qualsiasi cosa le piace! Per non parlare dei collari: ho perso il conto di quanti ne ho! 100, 200? Qualche mese fa mi ha anche regalato una cuccia gigante! Sua madre le ripete che è un disastro con gli acquisti...ma io sono felice di tutte queste attenzioni! Di tutti quelli che ho ricevuto però, il regalo al quale tengo di più è un peluche di Pluto che porto sempre con me: ci dormo insieme e non me ne separerei mai! L'unica cosa che Veronica mi nega al momento è una pagina Facebook tutta per me! Lei dice che è perché ne ha già due e che quindi non riuscirebbe a gestirne un'altra...io dico è perché ha paura che io le rubi tutti i fan! Scherzo naturalmente! Ha messo tante di quelle foto con me che ho quasi invaso la sua pagina! Io e Veronica passiamo tantissimo tempo insieme. Ci separiamo solo quando lei ha gli allenamenti o quando va in trasferta. Quando deve stare via qualche giorno mi lascia con la mia “dog-sitter”: in realtà è un'amica della mia padroncina che ha tre cani e che si prende cura anche di me. Io mi diverto tantissimo con loro ma a dire il vero il mio migliore amico è Sebastian, un labrador di con il quale mi piace scorrazzare per il parco e ad inseguire i palloni! Per il resto del tempo, preferisco stare in casa con la mia Veronica, sul divano a guardare un bel film, noi due da soli. Sono un po' geloso e quindi mi piace stare da solo con lei e prendermi tutte le coccole. E non dite che non vi ho avvertito! Inoltre sono sicuro che anche a Veronica piace stare con me, anche se ho un piccolo sospetto. Lo dico solo a voi però! Credo che alla mia padroncina non piaccia troppo alzarsi presto la mattina prima degli allenamenti per portarmi a spasso. Soprattutto quando piove! Dovete sapere, infatti, che ho il pelo molto lungo e quindi potete immaginare in che condizioni rientri in casa quando vado a farmi una passeggiata in mezzo alle pozzanghere! Diciamo che Veronica non è molto felice vedermi camminare sui pavimenti puliti dopo la passeggiata mattutina! Ma poi lei mi ripete che mi vuole tanto bene, anzi che mi “ama”, e quindi le perdono tutto! So anche che spesso rinuncia ad uscire con le sue amiche o a stare fuori dopo gli allenamenti solo per me! La mia padroncina è davvero unica! Parola di Leopoldo!

L'articolo originale è pubblicato sul mese di aprile 2011 di Pallavoliamo www.pallavoliamo.it

Desi Wilson

Quando ho incontrato Desi per la prima volta, Urbino aveva appena vinto la sua prima storica Cev Cup. Non ricordo con precisione come sia iniziata la nostra conversazione. Quello che ricordo è invece la mia sorpresa nel vedere che la persona che avevo davanti era completamente diversa da come me l'ero immaginata vedendola giocare solo alcuni minuti prima: “É vero. Dentro e fuori il campo sono molto diversa. Mentre gioco sono seria, concentrata e persino aggressiva. Fuori invece non mi prendo molto sul serio, amo scherzare e sono una persona molto espansiva. La parola che forse mi descrive meglio fuori dai campi è “pazza”...ma non in senso negativo. Quando parlo faccio molte battute, e, mi dispiace ammetterlo, dico troppe parolacce”.

Quando Desi parla è impossibile non essere trascinati dalla sua allegria, dalla sua energia e da quella solarità che è facile associare con la terra natale della giocatrice: le isole Figi. “Sono nata nelle Figi e parlo perfettamente la lingua locale. Makare, il mio vero nome, significa “acqua chiara. Tutti però mi conoscono con il nome di Desi, l'abbreviazione di Desilet, il mio cognome da nubile. Parte della mia famiglia è ancora nelle Figi e lì tutti mi conoscono perché al momento sono l'unica giocatrice professionista. Quello che mi manca di più della mia terra è il cibo. Mi piace tanto mangiare” racconta Desi ridendo. “La cucina locale è difficile da spiegare, perché mangiamo un po' di tutto. Diciamo che è completamente differente da qualsiasi cosa che avete voi qui in Italia: gli ingredienti sono pressoché gli stessi – carne, pesce, verdure - ma usiamo delle tecniche di preparazione e di cottura molto diverse. Nei nostri piatti per esempio usiamo molto curry – che io adoro: è un'influenza della cucina indiana. Inoltre, adoro il “Lovo” che è un particolare modo di cucinare il cibo. Nelle lingua locale “Lovo” vuol dire “forno a terra”: il concetto base è infatti sotterrare il cibo e sfruttare il calore del fuoco. Si scava una fossa e si riempe di pietre. Dopo aver acceso il fuoco e lasciato riscaldare le pietre, si può cuocere qualsiasi tipo di cibo che normalmente viene avvolto in foglie; infine il tutto viene coperto con dei panni e si lascia cuocere per diverse ore. L'unico inconveniente è proprio il tempo: a volte servono anche quattro ore. Ma puoi utilizzare il “Lovo” ovunque...a pensarci bene lo potrei fare anche qui ad Urbino se non fosse freddo”. Il legame con la sua terra, le sue tradizioni e la sua lingua è ancora molto forte: “Il nome di mia figlia è Wakaya, lo stesso di una piccola isola delle Figi. Mio padre mi ci portava in vacanza assieme a mio fratello quando eravamo piccoli e sono sempre stata affascinata da quel luogo. Ora è in gestione ad alcuni amici di famiglia ed è diventato un posto molto esclusivo dove vanno in vacanza le star del cinema: una volta è venuto Pierce Brosnam. Inoltre cercavo un nome esotico per la mia piccola, un nome speciale per una persona unica....non è un nome “normale”, ma anche mia figlia non lo è e quindi è il nome adatto a lei”.

Ora Wakaya ha otto anni e vive in California: Desi torna a casa ogni estate, ma le manca tantissimo sua figlia: “la distanza è difficile da sopportare per entrambe. Io cerco di non pensarci troppo, altrimenti non sarei capace di concentrarmi sul mio lavoro. Penso che sia necessario non lasciarsi trasportare troppo dalla mancanza. Inoltre ci sentiamo molto spesso tramite Skype: ora che è più grande re iesce ad esprimere i suoi sentimenti e i suoi pensieri è anche più bello poter parlare con lei. Ogni tanto penso che sia giunto il momento di smettere di giocare e di guardare lei scendere in campo! Al momento non la sto spingendo verso nessuno sport in particolare: ha otto anni e deve fare ciò che le piace fare”. Ma sembra proprio che la piccola Wakaya stia già seguendo, a modo suo, le orme della madre: “Mia madre era una giocatrice di volley e ha giocato per la nazionale delle Figi. Anche io ho iniziato a giocare lì: sono cresciuta sui campi da pallavolo anche perché seguivo mia madre agli allenamenti e durante le partite. Ero sempre intorno a lei: piangevo, mi aggrappavo alle sue gambe e chiedevo continuamente quando potevamo tornare a casa. Le ripetevo sempre che ne avevo abbastanza della pallavolo! É una cosa buffa vedere che ora mia figlia fa le stesse cose con me: ora è Wakaya, infatti, che entra in campo e piange perché vuole andare a casa o perché è stanca. Quando avevo la sua età, nessuno mi ha spinto a giocare: ho provato altri sport tra cui la corsa, il nuoto e la pallacanestro. La pallavolo è stato uno sport che mi riusciva facile e quando ho iniziato a giocare non sono riuscita più a smettere. Il volley ce l'ho nel sangue ed è uno sport che amo fare”.

Se la pallavolo era scritta nel DNA di Desi grazie alla madre, c'è un'altra persona che ha avuto un ruolo centrale nella carriera della futura centrale della Chateau D'Ax Urbino. “Oltre mia madre, l'altra persona che mi sento di ringraziare è il mio patrigno. Certo, ogni allenatore mi ha influenzato in una maniera o nell'altra, ma senza di lui forse non sarei mai diventata una giocatrice professionista.Con la situazione che all'epoca avevamo nella mia famiglia, è fantastico come questa persona sia riuscita ad entrare nelle nostre dinamiche e non solo stare vicino ad una donna ma crescere anche le sue due figlie. Lui mi ha sempre dato il suo supporto, mi ha portato agli allenamenti, alle partite, ed è stato grazie a lui se sono riuscita andare a giocare all'Università di Washington. Ma soprattutto, è stato lui che mi ha insegnato i valori dello sport e la disciplina. Gli devo molto”. Così, nel 1994, all'età di 18 anni, Desi lascia le bellissime coste delle isole Figi, per arrivare nel freddo Canada. “Mi hanno offerto una borsa si studio per la Washington University. Sono stata molto fortunata perché è qui che ho imparato a giocare a volley a livello professionale. Poi sono stata convocata dalla nazionale. Giocare per il tuo paese è sempre un grande onore, ma l'unico problema è stato che mi hanno schierato in posto quattro e non centrale. Non mi so davvero spiegare il perché: non avevo mai giocato in quella posizione. Forse pensavano che saltando molto, avrei potuto essere perfetta in quel ruolo: sfortunatamente ho scoperto sulla mia pelle che saltare non è l'unica capacità che una schiacciatrice deve avere”.

Con il suo spirito positivo, però, Desi ha fatto buon viso a cattivo gioco: “giocare in quella posizione mi ha aiutato a diventare una giocatrice più versatile”. Così, dopo due anni nella nazionale a stelle e strisce, l'atleta delle Figi si trasferisce a Reggio Emilia per giocare nella sua prima stagione da professionista. “L'Italia aveva molto da offrirmi, sia dal punto di vista professionale che da quello culturale e storico. Per non parlare poi del cibo. Lo staff di Urbino non fa altro che parlare di quanto sia buona la cucina italiana: ne parlano costantemente. É una cosa buffa ma assolutamente vera”. Nel 2001, tuttavia, Desi decide di prendersi una pausa di due anni: “Ho deciso di smettere perché nel frattempo mi ero sposata ed avevo appena avuto mia figlia, quindi non potevo stare troppo tempo via da casa. In quel periodo una mia cara amica, Tyra Turner, aveva iniziato a giocare a beachvolley e aveva bisogno di una compagna. Quando me l'ha proposto ho accettato perché avrei avuto la possibilità di giocare e rimanere negli Stati Uniti. Abbiamo ottenuto anche dei risultati molto positivi sia nel tour professionale americano (AVP) che nel tour internazionale”.Il ritorno di Desi alla pallavolo indoor arriva nel 2008, quando l'atleta delle Figi approda in Turchia al Telekom Ankara: “la Turchia mi è piaciuta moltissimo soprattutto perché mi ha riservato tante sorprese. Normalmente, le persone hanno paura della cultura musulmana, soprattutto gli americani. Ero quindi un po' prevenuta. Ma quando sono arrivata mi sono trovata davvero bene: le persone sono molto socievoli e non sono come me le ero immaginate. Lo stile di vita turco è molto occidentalizzato, ma non c'è quella grande divisione tra ricchi e poveri”. La stagione successiva vede Desi nella fredda Russia: “ogni cultura è molto differente. Per me giocare in posti sempre diversi è un'esperienza unica dato che amo viaggiare ed entrare in contatto con lingue e culture diverse. Certo ci sono pro e contro, ma le mie esperienze in Turchia e in Russia sono state fantastiche. La squadra russa per la quale giocavo era in Siberia, a 30 chilometri dal confine con la Cina. A parte il freddo però, sono stata fortunata perché ero in una grande società con delle compagne davvero uniche; all'inizio non potevo credere a quanto fossero grandi queste ragazze. Ci deve essere qualcosa nella Vodka che bevono”.

Finalmente, nel 2009, il centrale delle Figi ritorna in Italia, questa volta nella formazione della Spes Conegliano. “Quella stagione è stata terribile, non solo per me ma anche per la società. Ê stata una situazione alquanto sfortunata anche perché sulla carta eravamo una buona squadra...certo non così forte da vincere il campionato, ma non così scarsa da arrivare ultima. Dopo una stagione così negativa, l'unica cosa che un'atleta può fare è lasciarsi tutto alle spalle e sperare che la stagione successiva vada meglio”. E le speranze di Desi sono state ampiamente soddisfatte quando durante l'estate Urbino l'ha contatta per rivestire il ruolo di centrale titolare nella sua formazione: “quando Urbino mi ha contatta all'inizio sono rimasta scioccata. Dopo la scorsa stagione, infatti, non pensavo che nessuna squadra di serie A mi avesse cercata. Inoltre, Conegliano era stata la mia prima stagione in Italia dopo che me ne ero andata nel 2001; avevo giocato in Russia e in Turchia e quindi nessuno in Italia mi conosceva bene. Non pensavo di poter avere un'altra possibilità: invece Urbino me l'ha data e per questo sono molto riconoscente a questa società. Amo la mia squadra e non potrei dire mai abbastanza bene dello staff che ogni giorno lavora con noi”. Sotto la guida di coach Salvagni, l'atleta delle Figi ha trovato la giusta atmosfera per rilanciare la sua carriera e di scrivere insieme alle sue compagne un capitolo storico per il club bianco-nero: “Già vincere due partite di fila, rispetto alla scorsa stagione, per era un sogno. I miei amici e i miei familiari mi prendevano in giro all'inizio: “wow, hai vinto quattro partite...ora puoi anche smettere di giocare!”Giocare la Cev Cup e vincerla subito al primo anno è semplicemente fantastico. Sono davvero molto contenta per la mia squadra e il mio club”. L'apice di questa stagione per la squadra feltresca è stata certamente la vittoria nella competizione europea, ma anche in campionato le ragazze di coach Salvagni hanno dimostrato di potersela giocare anche con le più forti. Qual'è allora il segreto di questo strabiliante successo? “Non c'è nessun segreto. Siamo semplicemente un mix perfetto di ragazze, proprio come un puzzle nel quale ogni pezzo si unisce alla perfezione con gli altri. Non ci sono stelle: ognuna sa qual'è il suo ruolo ed è contenta. Lavoriamo bene insieme”. Dopo averla vista giocare durante la partita contro Mosca, l'impressione è quella che Desi sia uno dei leader della squadra, ma il centrale della Chateau D'Ax la pensa diversamente: “Non so se ho un ruolo nella mia formazione: ogni mia compagna può vedere in me qualcosa di diverso. Io penso solo a mettere in pratica quello che il mio allenatore mi chiede di fare. Cerco di dare il meglio in ogni partita, se poi ho un'influenza positiva sulle mie compagne ne sono felice”.

La sua determinazione d'acciaio e il giusto ambiente sportivo hanno fatto sì che Desi, a poche giornate dalla fine del campionato, si laureasse la miglior centrale del nostro campionato: 232 punti in 19 partite e 54 muri sono il bottino delle giocatrice trentaquattrenne. E la stagione non è ancora finita: “Direi che ora il mio punto di forza è il muro. Sono migliorata molto in questo fondamentale . Dall'altro lato però sento che ho ancora molto su cui lavorare: per il me il ruolo di centrale è un ruolo relativamente nuovo. Ho iniziato lo scorso anno e quindi ci sono ancora dei movimenti e dei passi che devo migliorare soprattutto quelli che il centrale gioca dietro la propria alzatrice”. Una lezione d'umiltà e di professionalità per tutti coloro che possono pensare che dopo tanti anni un'atleta abbia imparato tutto. E diciamo che un pensiero del genere non stupisce se si pensa che l'ultimo libro che questa giocatrice ha letto è stato “Guerra e Pace” di Tolstoj: “Durante il mio tempo libero mi piace leggere. Leggo di tutto anche se i miei preferiti sono i classici. Ho appena finito di leggere “Guerra e Pace”, e lasciatemelo dire, non è una lettura leggera! Mi sono lasciata convincere dato che tutti parlavano di questo libro e mi sono detta “vediamo com'è”...non oserò più pormi una domanda del genere!”.

Ma la pallavolo e la lettura non sono gli unici due interessi di questa giocatrice. Come l'acqua riesce a penetrare anche nelle più piccole fessure ed è sempre in movimento, allo stesso modo Makare vive la sua vita e vede il suo futuro: “per quel che riguarda la pallavolo penso che giocherò per altri due anni – anche se in realtà sono ormai cinque anni che faccio questo discorso. Voglio smettere di giocare quando ancora sono al top e non aspettare di toccare il fondo della mia carriera. Il mio desiderio più grande è quello di poterlo fare in un club con cui ho una buona relazione. A livello personale, vorrei intraprendere una nuova strada, possibilmente che non abbia nulla a che fare con la pallavolo: dopo tanti anni in questo ambiente penso di aver imparato tutto quello che una persona può imparare. É arrivato per me il tempo di imparare qualcosa di nuovo e diverso”.

L'articolo originale è pubblicato nel numero di aprile 2011 di pallavoliamo www.pallavoliamo.it

lunedì 11 aprile 2011

Scavolini-Villa: un match stellare costellato da tanti errori

Nonostante la mancanza di Flier, la Scavolini si batte fino alla fine controVilla Cortese: 2 a 3 per la squadra di Abbondanza dopo una partita combattuta ma costellata da tanti errori banali da un lato e dall'altro della rete.

"Non sono per nulla contento della partita delle mie ragazze" ha detto Paolo Tofoli alla fine del match "E' vero abbiamo lottato, ma non concepisco gli errori banali che abbiamo commesso durante la partita. Non si possono accettare da giocatrici di A1 errori che si vedono in Under 14".

Queste le parole che possono riassumere la partita tra la Scavolini Pesaro e la MC Carnaghi Villa Cortese. Davanti ad un nutrito pubblico, le due squadre hanno dato vita ad una vera e propria battaglia, proprio come ci si aspettava dalla prime della classe. Peccato per i tanti, troppi errori che hanno costellato il match in tutti i cinque set: ammessi solo quelli in battuta (16 per la Scavolini e 8 per Villa Cortese); per gli altri l'unica attenuante puo' essere quella della giovane età di molte delle giocatrici schierate in emergenza da coach Tofoli. Pesaro ha saputo comunque reagire alle sconfitte delle ultime uscite e a giocare alla pari con la lanciatissima formazione di Abbondanza che ora sale a 11 vittorie consecutive.

Il primo set ha visto una battaglia punto a punto che si è conclusa solo nelle battute finali grazie a tre attacchi di Senna Usic, tra le migliori in campo, che ha chiuso sul 25 a 22 per le padrone di casa. La seconda frazione invece è stata tutta targata Villa Cortese: la battuta di Hodge ha messo in seria difficoltà la ricezione pesarese e ha permesso alla squadra di Abbondanza di portarsi subito avanti di quattro lunghezze e ad aggiudicarsi facilmente il set per 15 a 25.

Più equilibrate la terza e la quarta frazione dio gioco terminate rispettivamente 18-25 e 25-19. In grande evidenza i liberi di entrambe le formazioni: De Gennaro e Cardullo salvano palloni importanti che permettono la ricostruzione del gioco. Grandi prove di Aguero e Cruz da un lato e Guiggi e Saccomani dall'altro. Il match si è deciso poi al tie-break che ha visto un duello senza esclusione di colpi, soprattutto nelle battute finali. Vere protagoniste dell'ultima frazione sono state Usic e Hodge, continuamente ricercate dalle proprie alzatrici e abili a chiudere i punti. Un errore di intesa tra Manzano e Saccomani sul 20-19 compromette la partita per le padroni di casa. Chiude un ace di Hodge sul punteggio di 21-23.

giovedì 7 aprile 2011

Urbino nella storia! Da Cenerentola a Regina d'Europa


C'era una volta una squadra di A2 che quasi per magia si è ritrovata nell'olimpo della serie A. C'era una volta, e c'è ancora verrebbe da dire. La favola della squadra ducale era infatti iniziata lo scorso anno quando al di là di ogni rosea aspettativa non solo aveva evitato la retrocessione, ma si era addirittura insediata nei piani alti della classifica, mettendo paura anche alle grandi del nostro campionato. Da molti soprannominata la “Cenerentola” del campionato, la squadra del presidente Sacchi ha saputo ripetersi anche quest'anno, anzi, ha saputo migliorarsi arrivando fino alle finale della coppa CEV. Un risultato storico per la squadra feltresca e per il suo condottiero, quel coach Salvagni che soli due anni fa si trovava ad Argenta in Emilia Romagna a giocarsi la salvezza con una squadra di seconda divisione. Che non si tratti di una partita qualsiasi lo si capisce subito all'entrare nel Palamondolce che, ad un'ora all'inizio del match, è già gremito di persone. Sugli spalti i Fedelissimi sono già tutti in posizione, pronti ad accogliere con un calorosissimo applauso le loro “12 stelle” e il loro “principe”.

Tutti sono consapevoli che questa sera Urbino potrebbe scrivere una pagina importante della storia del volley italiano, proprio come nel passato personaggi come Raffaello e il Duca di Montefeltro lo hanno fatto per l'arte e la storia. Non a caso, uno striscione con il volto dell'artista e con la scritta “Come Loro nella Storia” campeggia sulle balaustre del palazzetto. Per l'occasione i tifosi feltreschi hanno preparato delle grandi coreografie per le loro ragazze: bandiere, palloncini, sciarpe, corone “principesche” con i colori della città (blu e giallo). Tutto deve essere perfetto per “LA PARTITA”. Dopo il 3 a 0 dell'andata in Russia (21-25, 24-26, 20-25) tutti sperano e un po' credono nella vittoria di questo trofeo. Tutti sono però attenti a non sbilanciarsi troppo. Tra Urbino e la coppa ci sono infatti le ragazze della Dinamo Kasdonar desiderose di vendicarsi del punteggio subito a Mosca e consapevoli di dover dare il loro meglio per strappare tre set alle avversarie e giocarsi il tutto per tutto al Golden Set. A sostenere le loro ragazze sono arrivati ad Urbino ben 82 tifosi, armati di grandi bandiere e di trombette: certo, 82 contro 3.000 sono pochi, ma il loro arrivo all'interno dell'impianto è salutato da un lungo applauso delle stesse giocatrici. Per compiere l'impresa c'è bisogno anche del calore del pubblico. Il saluto tra le due squadre avviene sulle note dell'Inno di Mameli: questa sera Urbino rappresenta l'Italia intera e tutto il Palamondolce si unisce ai Fedelissimi creando un'atmosfera unica e quasi da stadio.

Il primo punto di Petrauskaite arriva proprio sulle parole finali “l'Italia gridò, Sì”. Lo scontro si fa subito acceso con Kodirova che blocca a muro e poi Di Iulio che risponde con una schiacciata sui tre metri. Il Krasnodar allunga sul turno di battuta di Kodirova portandosi velocemente sul 2-5. Urbino reagisce con Wilson che annulla a muro la pipe della Bukreeva e grazie ad un errore in battuta di Murtazaeva aggancia le avversarie a quota 6. Il tecnico Ovchinnikov ferma subito il gioco e al ritorno in campo le russe piazzano due muri ai danni di Petrauskaite (6-8). L'errore in attacco di Renatinha riporta il Krasnodar a +3: 6-9. La squadra moscovita trova due punti preziosi grazie ai pallonetti che colgono impreparate la difesa della Chateau D'Ax. Leonardi tiene bene la fast di Kodirova, ma Renatinha spreca la diagonale che da l' 8-12 alle avversarie. Questa volta è coach Salvagni a chiedere il minuto per parlare con le sue atlete. Ma il trend non cambia: l'ace di Bukreeva su Garzaro vale il 10-15, e dopo l'errore in battuta, il contrattacco di Murtazaeva porta il punteggio sul 11-17. Renatinha viene nuovamente tenuta a muro e sul punteggio di 11-18 Salvagni cambia la brasiliana con Jaline. Di Iulio cerca di caricare le sue compagne e Urbino, grazie anche a due errori di Startseva, riesce a ricucire il gap di qualche punto (15-20). Ma non basta. Kodirova chiude il primo tempo negli ultimi metri del campo di Urbino regalando il set point alla sua squadra. Ci pensa poi Bukreeva a chiudere sul 18-25. I tifosi moscoviti esplodono in un fragoroso applauso mentre i tifosi feltreschi incitano a più non posso le loro giocatrici: “noi crediamo in questa vittoria” cantano al cambio di campo.

Il secondo set si riapre con Startseva in battuta e Jaline al posto di Renatinha. Questa volta è Urbino a partire in volata: Wilson tocca di là dalla rete un'allettante free ball (1-0); la pipe russa è fuori per il 2-0; Petrauskaite rompe il muro da posto 4 e il coach russo chiama subito il time out ,mentre il pubblico canta “vi vogliamo così”. L'errore di Wilson in battuta argina per il momento il dilagare della Chateau D'Ax, ma il vantaggio di tre punti resta invariato fino al primo time out tecnico grazie ad un muro di Wilson su Bukreeva e un recupero volante di Leonardi che salva in extremis un pallonetto russo. Ferreira attacca out e Urbino si porta sul 10-7. Ma la Dinamo non si arrende: Kodirova chiude la parallela su Petrauskaite e la squadra moscovita si porta a una sola lunghezza di distanza (10-9). Salvagni ferma tutto e chiama il time out anche per ridare sicurezza alla schiacciatrice lituana. Al ritorno in campo, infatti, il numero 7 urbinate realizza due attacchi a tutto braccio e con un ace riporta la squadra avversaria a quattro lunghezze di distanza. Il Krasnodar si riporta in scia con Ferreira (14-12), ma è Jaline in attacco a tagliare il traguardo del secondo time out tecnico per le padroni di casa (16-13). Il gioco si fa più intenso e le due squadre lottano su ogni punto: Dalila cerca molto Di Iulio, abile nello sfruttare le mani avversarie. E' proprio il capitano a mettere il pallone a terra dopo uno scambio prolungato che vale il 17-13. L'errore di Murtazaeva, poi, costa al Krasnodar il 20-15. Rogacheva cerca di fare la differenza, ma Leonardi copre tutto il campo. Urbino, nonostante una chiamata dubbia che suscita i fischi del pubblico, chiude il secondo set grazie all'attacco di Jaline (25-19).

La partita si riapre. L'avvio del terzo parziale è una copia del secondo: Urbino parte forte con l' ace di Di Iulio e poi il muro di Garzaro ai danni di Rogacheva (3-0). Il tecnico russo non ci pensa due volte e chiama subito il time out. La centrale trevigiana è padrona della rete e chiude di prima intenzione su un appoggio sbagliato delle avversarie (4-0). Dopo ben tre tentativi, Ferreira riesce a passare sul muro del numero 3 feltresco e a siglare il primo punto russo (4-1) . Bukreeva prova a tenere in corsa il Krasnodar (5-2, 5-3), ma poi viene murata da Garzaro (7-3). Jaline vola sopra il muro russo e realizza sia l'8-3 che il 10-4.L'entrata della brasiliana al posto di Renatinha ha decisamente dato i suoi frutti. Dalia gioca in primo tempo con Garzaro (11-6), poi Petrauskaite torna a graffiare con un attacco a tutto braccio e sul punto di Wilson (13-6) sembra che anche questo set sia segnato. Il Krasnodar prova a risalire con un muro su Dalia (15-10) ed un ace di Kodirova (19-15). Ma le ragazze di Urbino non si fanno sorprendere e siglano un break di tre punti grazie a Di Iulio che alterna attacchi forti a palle piazzate (22-15). La Dinamo prova a reagire e trova un contro break grazie a Bukreeva e a due errori delle padrone di casa. Sul 22-18 Salvagni chiama a raccolta le sue per il rush finale che si concretizza con gli attacchi di Wilson e Di Iulio (24-19). Il fallo di Startseva dà il punto finale alle feltresche che si aggiudicano anche questo terzo parziale (25-19).

Il sogno si fa sempre più reale e dagli spalti torna a riecheggiare l'inno nazionale. Wilson apre le danze del quarto set, ma poi non arriva a coprire un pallonetto millimetrico delle russe (1-1). Nell'azione successiva ci pensa però Leonardi a coprire dietro il muro. La parità dura fino fino al 4-4: poi due attacchi di potenza di capitan Di Iulio ed un muro su Ferreira spezzano l'equilibrio a favore delle padrone di casa. Jaline sigla la palla del primo time out tecnico; al rientro in campo, Urbino chiude il punto numero 9 dopo un' azione fatta da grandi recuperi da un lato e dall'altro del campo (9-5). Bukreeva spara fuori il lungo linea e poi Di Iulio inarrestabile chiude a muro su Startseva per il punto del' 11-5. Quando Ovchinnikov chiama il time out tecnico sugli spalti è già festa e sale forte il coro dei Fedelissimi. Al ritorno in campo la Dinamo Krasnodar sembra aver ormai alzato bandiera bianca: il fallo di Rogacheva, l'errore di Bukreeva e il muro di Di Iulio sul numero 18 russo decretano il +6 per Urbino(11-5). Il capitano della Chateau D'Ax continua a creare problemi in battuta e arriva l'ennesimo ace (13-6). Quando poi Leonardi compie l'ennesimo miracolo in copertura e Jaline chiude dalla seconda linea su alzata di Petrauskaite, il Palamondolce esplode in urla di gioia e scroscianti applausi. Alla seconda sosta tecnica il Krasnodar è già doppiato: 16-8. Ma c'è tempo per un ultimo brivido, quando con tre punti consecutivi la formazione russa si porta sul 17-11. Ma è solo un fuoco di paia. Jaline picchia forte e manda un messaggio molto chiaro al di là della rete. Dalia orchestra bene l'attacco liberando due volte Jaline che al secondo tentativo trova il punto del 20-13. Il muro della palleggiatrice urbinate e poi le mani out su attacco di Petrauskaite danno altri due punti fondamentali alle padrone di casa. Kodirova smorza gli entusiasmi dei 3.000 del Palamondolce con un buon primo tempo, ma il muro di Wilson sulla centrale russa mette l'ipoteca sulla partita (23-15). Il pubblico marchigiano inizia ad assaporare la vittoria che ora si fa sempre più vicina. I cori si fanno sempre più forti, e quando Petrauskaite mette a terra il punto numero 24 tutti saltano in piedi. Il primo tentativo di chiudere va però a vuoto, ma è ormai questione di secondi. Nell'azione successiva Ferreira tira forte ma sbaglia: il set si chiude sul 25 a 16 per la Chateau D'Ax.

Urbino si aggiudica così la sua prima CEV Cup, una competizione che ormai da anni sorride alle formazioni italiane - Scavolini Pesaro nel 2008, Asystel Novara nel 2009 e Yamamay Busto Arsizio nel 2010 solo per citare le più recenti. Ma la vittoria della Chateau D'Ax ha un pizzico di magia in più: da Cenerentola del campionato, Urbino è infatti passata ad essere la regina d'Europa.

L'articolo originale è stato pubblicato sul mese di aprile di Pallavoliamo (sezione LIVE) www.pallavoliamo.it