lunedì 28 febbraio 2011

Scavolini in 5 set sulla Yamamay dopo la rimonta dal 2 a 0

La Scavolini rimonta dallo 0 a 2 e si aggiudica il match contro la Yamamay Busto Arsizio al tie-break, una vittoria che consolida il primo posto in classifica e che mantiene alto il morale in attesa del match di Champion League contro Zurigo. Giovedì la squadra di Tofoli potrebbe segnare una pagina importante della storia del club pesarese.

L'impegno contro Busto Arsizio celava non poche insidie per le campionesse d'Italia. Innanzitutto, le "Farfalle" di coach Parisi sono una squadra di alta classifica con un buon sestetto titolare e seconde linee di tutto rispetto. Poi, ad incombere sul match, c'era il tour de force mentale e fisico imposto alle Colibrì dal turno di Champion contro Zurigo: in caso di vittoria, infatti, la partita del 3 marzo potrebbe catapultare le bianco-rosse nella prima finale di Champion della storia del club. Un traguardo che potrebbe far girare la testa a tutti!

Non ha quindi stupito più di tanto l'inizio contratto da parte delle ragazze di Pesaro: Busto è passato subito avanti nel primo set e si è aggiudicato in volata (27-29) anche il secondo parziale grazie ad una incontenibile Havlickova (18 punti nei soli primi due set) e un buon lavoro in copertura da parte di Havelkova e Carocci. Quando il destino del match sembrava ormai segnato, le Colibrì hanno saputo però reagire aggiudicandosi il terzo e quarto parziale. Colpa anche di un vistoso calo in fase offensiva da parte delle bustocche (fermo al 29%) e un crescendo invece a muro da parte delle giocatrici di casa: se Meijner, Havelkova e Havlickova non riuscivano infatti più a passare - grazie anche ai muri di Guiggi e Manzano - in casa Scavolini gli attacchi di Hooker (31 punti) e Usic (17) andavano sempre a segno.

Dopo quattro set molto equilibrati, la Scavolini ha infine preso subito in mano le redini del tie-break chiudendo agevolmente sul 15 a 9. Ora tutti gli occhi sono invece puntati sul match di ritorno della Champion League in programma giovedì sera al Palacampanara. La società informa che a partire da martedì sarà possibile acquistare i biglietti in prevendita presso la biglietteria di viale dei Partigiani ai i seguenti orari: martedì e mercoledì dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.30, giovedì dalle 10 alle 12.30. I biglietti saranno in vendita al prezzo di 12 euro e di 6 euro (biglietto ridotto) per gli abbonati della Scavolini Volley e della Chateau D'Ax.

giovedì 17 febbraio 2011

Floortje Meijners -inglese

“I am very precise, full of enthusiasm and extremely positive”. With these very words Floortje Meijners describes herself during our interview. Usually, expressing one’ s own emotions and thoughts is never easy, in particular in a foreign language. However, during the thirty minute talk in English with Flo, I am literally captured by her energy and being likeable. “Well, at least that’s ,what my friends would say about me. And who am I to disagree?” she says laughing. What strikes me the most about this young athlete is her determination and her commitment to all her projects. “I live in the present and usually I don’t make too many plans for the future. I believe that the most important thing is doing well now…then, come what may”. A philosophy that has allowed this player to leave already her mark on this season: with 16 aces in 9 matches, she is ranked first for the number of winning services: a remarkable plunder if one thinks that the Italian female volley championship has just turned the corner. “My strongest point is my service, but as it is a risky shot, I think I have to plug away at it. There are many things that I need to improve, especially my catching and defense. I am sure I can grow up a lot during this season as the level here in Italy is very high. Unluckily, this was not possible in the Dutch league”. Her strong will to improve and to measure herself with stronger players drove Floortje to Yamamay Busto Arsizio volley club. For the Italian team was love at first sight with the Dutch player, and for this reason, Yamamay’s managers waited patiently for three years in order to recruit Flo. Three years. So long did Busto’s courtship last towards the athlete from Oldenzaal. “It took me three years to take this decision. Actually, I had the chance to come to Italy some years ago, but when Yamamay contacted me the first time, I felt I was not ready for this step. It is clear that refusing an offer from Italy was not easy for me, as I knew that playing in the Italian league would have allowed me to improve a lot; however, I believe that one should first feel ready to take this decision. At that time I was not over with my studies yet and I didn’t want to leave them unfinished. Moreover, going to Italy would have meant leaving my family. In sum, it was not the right moment”. Then, a visit at the Pala Yamamay changed everything: “For one week the club hosted me and that persuaded me. In that occasion, in fact, something sparkled in my mind and I had a positive sensation about this club”. Furthermore, the town responded to all the requirements Floortje demanded from her future home: “When I had to decide in which club I was going to play, I took into consideration several factors such as the chance to study close to the place where I was playing and the proximity to a big city like Milan. Busto Arsizio simply had them all”. Before wearing the red t-shirt of Yamamay Busto Arsizio, Floortje had played only in the Netherlands. Her career, in fact, was born and developed in the team of Arke Pollux, a club that saw the player’s first step and final consecration. “I started playing when I was nine years old for Arke Pollux in Oldenzaal where I lived. At the beginning I was training only once a week, but then it became something serious. With this club I played the national championship and when I was only fourteen I was selected for the Juniors national team. Actually, I was very lucky to start my career in a club as Arke Pollux, as it had also a first team: indeed, this pushed me to give my best every day and gave me the chance to confront myself with professional players since the very beginning. My debut with the fist team was in 2002, when I was fifteen. Three years later I was selected for the Senior nation team and I also changed club. At that time, I was living with my parents in Oldenzaal, a city in the East of the Netherlands, but then in 2005, I finally moved to Amsterdam to take part to the project of Amstelveen Martinus. In short, before this season , my career developed around two clubs”. Later, in 2007, the victory at the Gran Prix in Ningbo (China) crowned Flortje’s rise. “Being part of the national group was an important moment in my career. Indeed, I was happy to represent my nation in front of the world, but I have to say that playing for my national team was not a priority for me". That is the reason why I am not part of the selection right now: it’s not a priority for me. It can sound weird, but it’s a thought that I matured little by little during my career: what means the most to me is feeling good and being an important element for my team". The following year, in fact, the name of the outside hitter of Amstelveen did not appear in the list of the official players of the Netherlands national selection. Refusing to join the national selection may look an awkward decision by a professional volley player, but in Floortje’ s case it is in line with her principals and prerogatives. The Dutch player, in fact, refused several time to go to Italy in order to finish her studies. “Studying is an essential factor in my professional career: when things in volley do not turn in the way I’d like, I love focusing in something else. My studies give me this outlet. Passing an exam, moreover, gives me great motivation outside and, in particular, inside the court. I feel I found the perfect combination between volley and studying”. As a result, the proximity of Busto Arsizio to the University of Castellanza was one of the key factors that brought Flo to choose Yamamay among the other Italian clubs that contacted her. “Studying and playing volley is normal for me. I have always being doing that. Now, I am attending the LIUC at Castellanza; I don’t attend the standard program though as I wouldn’t be able to follow all the required courses due to my profession. Indeed, studying and playing is though and draining. I love it though, and that is the key to manage it. Moreover, attending the courses allows me to meet people who don’t belong to the volley world; to meet people with a different life style; people who I love to talk to. In short, university is a perfect way to cut a bit with volleyball and to recharge myself after a match or trainings”. Such a great devotion both to playing and studying may come from Floortje’s past interests. In fact, before committing entirely to volley, little Flo played the saxophone and did ballet. “At the beginning, I played volley, I attended saxophone classes and I did ballet: I did them all. One day, though, my parents told me that I had to take a decision. Thus, although I liked dancing, I decided I would play volley: volleyball, in fact, was the sport I loved the most. It as a though decision to take, but ultimately I have no regrets at all”. In fact, volleyball has always had a special place in Floortje’ s heart. “Both my parents were volleyball players and in my town volley is the most popular sport. I started playing in a club when I was nine years old, as in the Netherlands this is the required age. Actually, my friends and I tried to join a club before nine, but we were always told “no” as we were too young. So, we used to play everywhere we could, included the street”. When she finally reached the right age, Floortje gave it all she got, even though not everything went so smooth. “When I started playing, obviously I didn’t know all the rules. Once, during a match, I attacked directly on the serve of the opponents: when the ball passed on my head, I jumped, spiked and scored a point. At least I thought I had scored it. All my teammates were staring at me and I didn’t know why. So I kept asking: “Did I do something wrong?”. The Dutch spiker laughs at the though of that first match: indeed, things have changed a lot since that day! Thanks to her experiences in both the two clubs she played, Floortje has grown up and become the athlete that drew her team spike after spike: “there has been many factors that influenced my career and I wouldn’t be able to say which one had the most relevant part. When I played for the senior and junior national selections, for instance, I learned a lot both from a human and professional point of view. Likewise, playing for such a team as the Amstelveen Martinus allowed me to play at top levels and to gain a place in the national team. Moreover, as I told before, also my studies have a central role in my career. Last but not least, I had to thank my parents who has always given me their support and who never pushed me to do something I didn’t want to do. Thus, I have been living my career in a relaxing and familiar atmosphere. This helped me a lot”. Without any doubt, being part of her national team played an important role in forging Floortje mentally: “During this period I learned a lot both technically and mentally. In fact, my coach Selinger cared a lot about technical elements and this helped me to improve day after day”. This very same attention on technique belongs also to coach Parisi, the actual coach of Flo at Yamamay Busto Arsizio. “I like the way we are training: like Selinger, in fact, also Parisi focuses on the individual technique and so I can work hard on my weak points. Sincerely, it looks like going back at your beginning when you have still to learn everything, but I want to take advantage of this to improve”. But how does this player live her first year abroad? “I came to Italy especially to play volley in one of the best European leagues. Now that I’m here, I can tell that I love Italy life style and people. As everyone else, moreover, I love Italian food. Not to mention the shopping: I go often to Milan. I am also studying Italian at my university: so far I learned the basic things, but now we are studying also the past tenses and I feel I am improving. Actually, I’m impressed with my skills in understanding Italian, also during our trainings. When I left the Netherlands, my worst fear was not the language though. I was more afraid of missing my friends: however, here in Italy, I have met so many new and interesting people that the departure was not so bad at the end. I know that all my friends are still there waiting for me and often they come to pay me a visit”. There is no doubt: Floortje always thinks positive. Given all this enthusiasm towards volleyball, Italy and life, we are sure that the flight of the Dutch “butterfly” in the Italian league is only at its early stage.


Questo articolo è pubblicato sul numero di febbraio 2011 di Pallavoliamo www.pallavoliamo.it

Floortje Meijners -italiano

“Precisa, piena di entusiasmo e molto positiva”, così si descrive la stessa Floortje Meijners durante la nostra intervista. Solitamente non è facile esprimere i propri sentimenti in una lingua che non è la propria, ma nella mezz’ora di chiacchierata in inglese con Flo, rimango catturata dalla sua energia e dalla sua simpatia: “almeno è così che mi vedono i miei amici, e chi sono io per contraddirli?”mi spiega ridendo. Quello che colpisce di più della giovane atleta è la sua determinazione e il suo impegno in tutte le cose fa: “io vivo nel presente e non sono una persona che fa troppi progetti futuri. Penso che l’importante sia fare del mio meglio ora… poi nel futuro si vedrà”. Una filosofia che ha permesso a questa giocatrice di lasciare già il segno in questa stagione: con 16 ace in 9 partite è al primo posto nella classifica delle battute vincenti. Un bottino non da poco se si pensa che il campionato è giunto solo ora al primo giro di boa. “il servizio è il mio punto forte, ma visto che è un po’ rischioso, penso di doverci ancora lavorare per migliorarlo. Ci sono ancora molte cose che devo perfezionare nel mio gioco, soprattutto in ricezione e in difesa. Sono sicura di poter crescere molto quest’anno perchè il livello qui in Italia mi permette di migliorare giorno dopo giorno. In Olanda questo non era più possibile!”. Ed è stata proprio questa voglia di migliorarsi e di cimentarsi con un livello più alto a portare Floortje alla Yamamay Busto Arsizio. Per la squadra lombarda quello per la schiacciatrice olandese è stato amore a prima vista: per questo ha atteso tre anni pur di averla tra le sue atlete. Tre anni. Tanto è durata la corte della società bustocca verso l’atleta di Oldenzaal. Ma come mai così tanto tempo? “Ho aspettato tre anni prima di prendere questa decisione. In realtà avevo avuto la possibilità di venire a giocare qui in Italia prima, ma quando Busto mi contattò la prima volta, non mi sentivo ancora pronta. Certo, rifiutare una chiamata dall’Italia non è stato facile anche perché sapevo che venire qui mi avrebbe permesso di migliorare molto nel mio gioco; ma penso che prima di partire è importante sentirsi pronti a compiere questo passo. All’epoca non avevo ancora finito i miei studi ad Amsterdam e quindi volevo essere sicura prima di prendere questa decisione anche perché mi sarei dovuta allontanare dalla mia famiglia”. Poi una visita al Pala Yamamay ha reso tutto più semplice: “Per una settimana sono stata ospite della società e in questo modo mi sono completamente decisa. In quell’occasione è scattata come una scintilla e ho subito provato una sensazione positiva verso questo progetto”. Inoltre la città di Busto, rispondeva a delle esigenze particolari della giovane olandese: “Quando ho dovuto decidere per quale club giocare, ho preso in considerazione tanti fattori tra i quali la società, l’allenatore e anche la possibilità di studiare vicino al posto in cui dovevo giocare. Può sembrare strano, ma anche l’idea di avere una città grande vicino era per me qualcosa d’importante. E Busto aveva tutte le carte in regola”. Prima di indossare in numero 9 delle “farfalle” della Yamamay, Floortje aveva giocato solo in Olanda. La sua carriera, infatti, è nata ed è sbocciata tra le fila dell’Arke Pollux, una società che ha visto i primi passi e poi la consacrazione di Floortje. “Ho iniziato a giocare quando avevo 9 anni per l’ Arke Pollux. All’inizio facevo allenamento una volta a settimana, ma anno dopo anno è diventata una cosa seria. Con il Pollux ho giocato il campionato nazionale e a soli 14 anni sono stata selezionata per la squadra nazionale juniores. Sono stata fortunata ad iniziare a giocare in un club come L’Arke Pollux, perché ho potuto crescere in un club dove, essendoci anche la serie A, ero spinta a dare il massimo tutti i giorni e potevo confrontarmi con giocatrici esperte. Il mio debutto con la prima squadra è stato nel 2002, quando avevo appena 15 anni. A 18 sono passata per la prima volta nella squadra nazionale seniores e quell’anno ho anche cambiato il club dove giocavo. All’epoca vivevo con i miei genitori a Oldenzaal, una città nell’est dell’ Olanda e nel 2005 mi sono trasferita ad Amsterdam per prendere parte al progetto dell’ Amstelveen Martinus. La mia carriera era quindi ruotata intorno a sole due squadre, prima di questa stagione ”. Nel 2007, a coronare l’ascesa della giocatrice, arriva anche la vittoria al Gran Prix di Ningbo (Cina), durante la quale la nazionale olandese si piazza prima davanti ad Italia e alle padrone di casa. “fare parte del gruppo della nazionale è stato un momento importante della mia carriera; sicuramente ero felice di essere stata convocata e di rappresentare il mio paese. Per me, tuttavia, la squadra nazionale non era una priorità assoluta. Per questo motivo al momento non ne faccio parte, proprio perché non è una mia priorità. È un pensiero che ho maturato piano piano nella mia carriera: quello che conta più per me è sentirmi bene e di essere un elemento importante per la mia squadra”. L’anno dopo, infatti, l’opposto dell’ Amstelveen non compare nella lista delle convocate da Selinger. Una decisione strana per un’atleta professionista, ma che è indice anche della maturità e serietà di Floortje. Il non partecipare alle competizioni nazionali, infatti, è in linea con i suoi principi, gli stessi che le hanno fatto rifiutare varie volte l’offerta della Yamamay per motivi di studio. “Lo studio è un fattore molto importante nella mia carriera perché quando le cose nella pallavolo non vanno esattamente come io vorrei mi piace focalizzarmi su qualcos’altro. Studiare mi dà questo sfogo. Passare un esame, inoltre, mi dà una grande motivazione che poi trasporto anche in campo. Per me questa è una combinazione vincente soprattutto a livello mentale: lo studio mi permette di trovare nuovi stimoli e la pallavolo mi aiuta a liberare la testa”. Ed è stata proprio la vicinanza all’università di Castellanza uno dei fattori che ha giocato a favore della firma di Flo con Busto Arsizio. “Per me è normale studiare e giocare: l’ho sempre fatto e continuo a farlo anche ora qui in Italia. Adesso sto studiando economia alla LIUC, anche se non seguo il programma universitario normale ma uno speciale che mi permette di non frequentare tutti i corsi. Certo, richiede molta energia, ma lo studio riesce a darmi nuova energia e nuove motivazioni: è una cosa che mi piace e quindi riesco a farlo. Inoltre, essere iscritta all’università mi permette di conoscere anche nuove persone lontane dal mondo del volley, persone che hanno uno stile completamente diverso dal mio e con le quali mi piace parlare. È un modo per non pensare ventiquattro ore su ventiquattro alla pallavolo: lo studio mi permette di staccare e di ricaricarmi giorno dopo giorno”. Una dedizione che forse le deriva da quelli che erano i suoi interessi da piccola. Prima di dedicarsi esclusivamente al volley, la piccola Floortje suonava infatti il sassofono e faceva danza. “All’inizio facevo tutti e tre, ma i miei genitori un giorno mi dissero che facevo troppe cose e che forse era il momento di fare una scelta. Anche se a me piaceva molto ballare alla fine ho scelto lo sport che amavo e mi sono così dedicata interamente alla volley. È stata una decisione un po’ sofferta perché il balletto mi piaceva tanto, ma adesso come adesso sono sicura della strada che ho preso”. La pallavolo, infatti, ha sempre avuto un posto d’onore nel suo cuore: “nella città dove vivevo, questo sport è tra i più importanti e praticati. Inoltre, anche i miei genitori giocavano e mi hanno trasmesso la loro passione. Ho cercato di entrare in una squadra prima di avere 9 anni, ma nessuno accettava me e le mie amiche perché eravamo troppo piccole. Così noi giocavamo in qualsiasi posto potevamo farlo, anche per strada”. Non appena raggiunta l’età minima per entrare in un club, Flo si è dedicata anima e corpo a questo sport, se pur con qualche “incidente” di percorso: “quando ho iniziato a giocare logicamente non conoscevo tutte le regole della pallavolo. Un giorno durante una partita, un servizio della squadra avversaria è passato davvero vicino alla rete; senza esitare, io ho preso il tempo e ho schiacciato direttamente facendo punto. Mentre esultavo, tutti mi guardavo storto e io non capivo perché e continuavo a ripetere “Ho fatto qualcosa di male?”. La schiacciatrice olandese ride al ricordo di quel lontano giorno: certo che le cose sono cambiate da quella partita! Grazie alle sue esperienze nei due club olandesi e a quella in nazionale, Floortje è cresciuta ed è diventata l’atleta capace di trascinare una squadra con i suoi colpi: “ci sono stati molti fattori che hanno influenzato la mia carriera pallavolistica. Non posso dire che è stato grazie ad uno in particolare. Quando ho giocato con la squadra nazionale juniores e seniores certamente ho imparato tantissime cose non solo a livello tecnico e pallavolistico ma anche a livello personale. Lo stesso vale per i club nei quali ho militato, soprattutto l’Amstelveen Martinus che mi ha permesso di giocare a dei livelli molto alti e di migliorare tanto da guadagnarmi un posto in nazionale. Ma come ho detto anche lo studio è molto importante nella mia carriera pallavolistica. Devo inoltre ringraziare i miei genitori che mi hanno dato sempre il giusto supporto e che non mi hanno mai spinta a fare qualcosa contro la mia volontà. In questo modo ho vissuto la mia carriera in un ambiente familiare molto sereno e questo è stato un fattore importante”. Senza dubbio, durante l’esperienza in nazionale ha aiutato molto questa giocatrice a migliorarsi: “il periodo in nazionale è stato molto importante per la mia crescita sia tecnica che mentale, in quanto Selinger era molto attento agli aspetti tecnici individuali e questo mi ha permesso di migliorare”. Un attitudine che Floortje ha ritrovato poi nel suo nuovo allenatore alla Yamamay: “Mi piace molto la maniera in cui lavoriamo. Come Selinger anche lui è un allenatore molto preciso e attento alla tecnica di base. In questo momento è l’allenatore ideale per me perché voglio migliorare come atleta e quindi il fatto che Parisi punti molto sugli aspetti tecnici mi permette di lavorare sui miei punti deboli. Sembra di tornare un po’ ai primi tempi quando dovevi ancora imparare tutto, ma anche io ho dei punti deboli su cui devo lavorare e quindi questo tipo di lavoro è perfetto per colmare le mie carenze”. Ma come vive la sua prima esperienza all’estero questa giocatrice? “Sono venuta in Italia soprattutto per giocare perché ammiro molto il vostro campionato. Adesso che sono qui devo dire che mi piacciono molto le persone e loro modo di vivere; come tutti, poi, adoro il cibo: l’unica pecca… in Italia non hanno il pane nero che a me piace tanto. Che dire poi? Lo shopping, la moda…sono andata spesso a Milano. Sto anche studiando l’italiano, anche se devo ammettere che è difficile perché l’olandese è una lingua molto diversa. Conosco qualche parola e le frasi iniziali del tipo “come stai?”, ma ora a scuola sto studiando il passato e inizio a capire quando gli altri mi parlano. Mi sono stupita anche io all’inizio quando mi sono resa conto di riuscire a capire tanto anche durante gli allenamenti. Quando ho lasciato l’Italia la mia paura più grande era di sentire la mancanza dei miei amici, ma qui sto conoscendo davvero tante persone e quindi non è stato così traumatico come pensavo. So che i miei amici sono ancora là e anche se non li vedo spesso so che loro ci sono sempre e mi vengono spesso a trovare quando gioco in casa: ogni settimana c’è qualcuno di loro in tribuna”. Non c’è alcun dubbio: Floortje pensa sempre positivo! E visto il suo entusiasmo nei confronti della pallavolo,dello studio, dell’Italia e della vita, siamo sicuri che il volo della “farfalla” olandese nel nostro campionato non è che all’inizio.



Questo articolo è stato pubblicato sul numero di febbraio 2011 di Pallavoliamo www.pallavoliamo.it

Mi Fido di Te: Francy Ferretti e Puffa

Ciao a tutti!

Mi presento: sono Puffa, il fidato amico a quattro zampe di Francesca Ferretti. Mi avrete visto tutti almeno una volta al palazzetto durante una partita della mia padroncina. Sì, sì, sono quello Schnauzer nano che dalle tribune non si perde una partita della Scavolini. La Gazzetta dello Sport, una volta, mi ha anche elencato tra gli “spettatori”! Diciamo che non passo inosservata! Colpa anche di quella maglietta della Scavolini con il numero 10 che ogni tanto indosso. Carina eh? L’idea però non è stata dei miei padroncini: tutto è partito da Teresa, una tifosa della Scavolini che aiutava Francy con le pulizie di casa. Anche lei innamoratissima dei cani, un giorno si è presentata con la maglietta numero 10 della Scavolini fatta su misura per me. All’inizio, sinceramente, ho storto un po’ il naso anche perché non è poi così comodo indossare degli indumenti. Ma quella maglietta era davvero simpatica e alla fine mi hanno convinto. Per un periodo ha pure portato fortuna! Ma partiamo dall’inizio: sono arrivata a casa Ferretti un po’ per caso, dopo una scommessa che Francy aveva fatto con i suoi genitori alla vigilia delle Olimpiadi di Pechino. Mamma Silvana e papà Marcello volevano assolutamente andare, ma da quanto so, c’erano un po’ di problemi a causa del viaggio molto lungo e per paura dell’aereo. Per scherzare hanno fatto così una scommessa: se non andavano a Pechino avrebbero preso alla figlia un cane. Loro l’hanno presa un po’ così sul ridere, ma al suo ritorno, Francy ha iniziato un po’ ad assillarli con la storia del cane ripetendo di volerne uno. Papà e mamma erano però molto titubanti. In casa Ferretti, infatti, di cani non ne avevamo mai avuti.Pensavano che un cucciolo potesse soffrire troppo in appartamento e che, con due figli a carico e il lavoro, averne uno fosse troppo impegnativo.

Morale della favola, un cane non era mai stato preso in considerazione. Ma alla fine, l’ insistenza della mia padroncina ha vinto! L’unico problema era che nessuno tra i Ferretti conosceva le razze: come fare a scegliere tra le tante esistenti? All’epoca, un loro vicino aveva uno Schnauzer gigante, e così si erano informati dove potevano trovarne di simili. Un giorno mamma Silvana ha detto a Francy “andiamo a vedere il cane, ma solo a vedere intesi? ”. Le ultime parole famose, mi verrebbe da dire. La famiglia Ferretti è arrivata così fino a Parma a vedere una cucciolata di otto Schnauzer nani: e io ero lì. Quando ci hanno presentato, tutti e tre i miei futuri padroni avevano gli occhi a forma di cuore. Non pensavo che potessimo avere quell’effetto su degli esseri umani. All’epoca io avevo 5 mesi e sembravo un batuffolo di cotone perchè non si riusciva nemmeno a vedermi gli occhi. Loro volevano vedere una femmina - gli esperti dicono che siamo più docili e soprattutto che sporchiamo di meno in casa. Non ci ho pensato due volte: sapevo che quelli erano i giusti padroni per me. Mi sono lanciata e mi sono attaccata alla gamba di Francy per non lasciarla più. È così che sono entrata a far parte della famiglia Ferretti! Mancava solo di trovare il nome più adatto a me. I proprietari ci avevano dato dei nomi scherzosi per riconoscerci, ma Puffa sembrava troppo buffo ai miei nuovi padroncini. Ci hanno pensato e ripensato, ma alla fine mi hanno lasciato questo: io ne sono felicissima perchè adoro il mio nome! La nuova convivenza all’inizio li terrorizzava perché non sapevano bene come gestirmi. Fino ad allora, infatti, gli unici animali che Francy e il fratello aveva avuto erano i soliti pesci rossi e le tartarughine. Ma poi tutto è filato liscio e sembrava che avessero avuto un cane da sempre. Sfortunatamente, dopo soli cinque giorni Francy è dovuta partire per degli impegni pallavolistici, e quindi io sono rimasta a casa con mamma e papà: senza i figli e senza più un lavoro a tempo pieno, diciamo che con il mio arrivo hanno trovato un modo per riempire le loro giornate! In particolare è Silvano che si occupa di me: mi porta in giro e mi pettina tutte le sere. Io lo considero il mio padrone con la P maiuscola anche se voglio bene a tutti in famiglia. Quando sto con lui non capisco più niente: se capita che sono in giardino con qualcuno e arriva “il mio papà”, lascio tutti lì e non guardo più nessuno. Anche solo quando uno mi dice la parola “papà”, io ho già l’orecchio su e inizio a guardarmi in giro. Mamma Silvana è invece la mia cuoca personale. Lo ammetto, mi vizia un po’ perché cucina delle cose solo per me. Le crocchette? Quelle le mangio solo quando non c’è nient’altro in casa. Per quanto riguarda Francy, il suo ruolo è quello di coccolarmi e di sbaciucchiarmi tutta. La madre le dice che mi tedia perché mi fa ballare, mi mette cose strane in testa, i cerchietti gli occhiali, gioca con me e a volte mi fa pure arrabbiare: insomma, mi fa di tutto e di più! Altro che tedio: io mi diverto tantissimo e per dimostrarglielo la copro sempre di bacini. Ci dormo persino insieme e qualche volta vado addirittura sotto le coperte con lei. Ma non lo dite a nessuno, sembra che Francy se ne vergogni un po’!

Da quanto le voglio bene la seguo ovunque, anche quando fa la doccia! A volte, poi, lei mi parla come se fossi una persona in carne e d’ossa. Come dice lei, mi manca solo la parola! Io la ascolto paziente, e poi lei tutto ad un tratto mi guarda e mi dice “ma che sto facendo”? Se non lo sa lei! Una volta mi ha raccontato che prima di avere un cane, quando vedeva le persone che trattavano il proprio cucciolo come un bambino diceva tra sé “ma guarda quello! Ma come si fa?”; adesso invece lo fa pure lei e spesso dice che un cane è quasi meglio di una persona: diamo tanto affetto senza volere nulla in cambio. Una cosa che io adoro è quando mi dice che “mi ama”: io e lei ci vediamo poco e quindi l’affetto tra di noi è anche più grande. Se ci vedessimo tutti i giorni forse i nostri incontri sarebbero “più tranquilli”, invece quando la vedo impazzisco letteralmente. Purtroppo, tra allenamenti e trasferte, fa fatica a tenermi sempre, ma per esempio, quando gioca una partita di Champions League a Pesaro, mi lasciano da Francy la domenica o il giovedì e sto con lei fino alla partita successiva. In questo modo riusciamo a stare un po’ insieme. Anche se a dire la verità, non mi piace rimanere da sola in casa quando va agli allenamenti. Io voglio stare sempre in compagnia! Per questo non vedo l’ora che la mia padroncina torni a casa per farle un po’ di feste o fare una gara a chi arriva prima. Siamo molto legate l’una all’altra. Pensate che quando io sono a Reggio e Francy chiama a casa, la prima cosa che chiede è come sta il suo cucciolotto e quando è su Skype vuole sempre vedermi tramite la webcam...

ll mio compito principale è tirarle su il morale dopo una sconfitta o farle ritrovare la calma quando è arrabbiata. Funziona più o meno così: lei arriva, mi prende in braccio e io le do due bacini; poi mi metto a correre di qua e di là. E funziona sempre! Dopo il trattamento “Puffa” Francy si rasserena e si tranquillizza. Mi è giunta voce che io non sia la sola a svolgere questo ruolo “terapeutico”. So infatti che anche altri miei colleghi sono stati arruolati per la stessa ragione. Credetemi, la vita degli atleti professionisti è una vita abbastanza solitaria: in casa sono spesso da soli e la presenza di un cucciolo permette loro di occupare i momenti più solitari con un fido compagno di giochi. Ma è una scelta di cui bisogna essere molto sicuri, perché quando siamo piccoli abbiamo bisogno di una guida per crescere bene. Eh sì, avere un cane per quanto sia bello comporta anche degli impegni! Tra tutte le cose, ciò che Francy odia di più è farmi uscire sotto la pioggia: lei odia la pioggia, e un po’ mi dispiace doverla trascinare fuori quando fuori diluvia.


Un’altra cosa che so che le scoccia un po’ è doversi alzare prima la mattina per farmi uscire. Eh sì, è un po’ pigrona, anche perché si tratta di appena 10 minuti: io, infatti, sono abituata a stare in casa e quindi appena ho fatto le mie cose corro subito dentro. Un po’ però la capisco: certo, sono piccole cose, ma quando Francy torna dagli allenamenti qualche volta è stanca e diciamo che scorazzarmi fuori non deve essere il massimo. Io per ringraziarla raddoppio la dose di baci ! La cosa più buffa è che da quandosono arrivata, le mie foto hanno invaso il cellulare e il computer di Francy. Sono ovunque: screensaver, wallpaper, Facebook. Per non parlare poi della pallavolo. Nei palazzetti sono diventata una specie di star! Non so quanti scatti mi hanno fatto con addosso con quella maglietta! La mia padroncina poi mi riempie di regali: il più bello è un collare rosa tappezzato di strass che indosso nelle occasioni più importanti. Francy adora comprare le cose per me: quando passa davanti ad un negozio per animali si ferma sempre a prendermi qualcosina. Il problema è che io distruggo tutto in meno di tre secondi. È più forte di me! Non so resistere: ho persino mordicchiato le pantofole preferite di mamma Silvana! L’unico superstite al momento è un osso di gomma con un campanellino! Quello lo conservo perché mi piace il tintinnio che fa quando lo mordo! Però non amo le esagerazioni, tipo avere una pagina Facebook solo per me. Per quanto bella e coccolona io sia, sono sempre un animale e, anche se mi dispiace ammetterlo, ci deve essere un limite. Già i Ferretti mi trattano come una persona: per Francy , addirittura, sono come una sorellina! Se fossi arrivata prima avrei potuto crescere insieme lei e a suo fratello. Già mi immagino la scena: noi tre piccoli davanti all’albero di Natale. Sarebbe stato magico!